21 settembre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Agosto 201817 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’ 02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Accordo 9 marzo 2018: verso un nuovo modello contrattuale
14
mar
2018

Con la sigla dell’Accordo 9 marzo 2018, CONFINDUSTRIA e CGIL, CISL e UIL hanno definito i contenuti e gli indirizzi delle relazioni industriali e della contrattazione collettiva, prefissando, al fine di dominare i processi di profondo mutamento del comparto, tre obiettivi principali: la condivisione di una coordinata strategia di sviluppo (privilegiando il ruolo della innovazione, della formazione e della ricerca), la promozione di un mercato del lavoro dinamico e l’avvio di una fase di relazioni sindacali innovative improntate a favorire forme partecipative.

L’Accordo 9 marzo 2018 si propone altresì di favorire regole chiare e condivise in materia di certificazione della rappresentanza (anche della parte datoriale), coinvolgendo il CNEL e auspicando il potenziamento di una banca dati sulla contrattazione collettiva che consenta di contrastare con maggiore efficacia il fenomeno del ‘dumping contrattuale’.

E’ confermato l’assetto contrattuale, articolato sul livello nazionale e aziendale (o territoriale, ove esistente); il primo è volto a garantire una ‘coerenza di sistema’ e trattamenti economici (minimi tabellari e trattamento economico complessivo) e normativi comuni applicabili ai lavoratori di uno specifico settore; il secondo assicura la competitività delle imprese e la valorizzazione del lavoro.

Le relazioni industriali focalizzeranno la propria azione prioritariamente sugli elementi ed ambiti della contrattazione di seguito indicati: welfare, formazione e competenza, sicurezza sul lavoro, mercato del lavoro e partecipazione (anche rispetto alla definizione degli indirizzi strategici dell’impresa).