17 settembre 2019 - TFR e crediti di lavoro aggiornati ad agosto 201914 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto25 luglio 2019 - CCNL Dirigenti commercio: prorogata la scadenza al 31 dicembre 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto19 giugno 2019 - Ccnl Terziario: scadenza prorogata a dicembre 201918 giugno 2019 - CCNL Metalmeccanica – piccola e media industria (confapi): nuovi minimi retributivi da giugno 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto13 giugno 2019 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Luglio 2019

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Accordo aziendale senza termine di validità: ambito temporale d’applicazione
30
set
2019

Un accordo aziendale siglato tra i sindacati e il datore di lavoro per far fronte a un temporaneo aumento dell’attività non cessa di essere efficace se non è esplicitamente previsto un termine di validità e può dunque essere invocato anche successivamente ove si presentino di nuovo le medesime esigenze produttive ed organizzative.

 

Con sentenza del 13 agosto 2019, n. 21390, la Cassazione ha riconosciuto che l’accordo con il quale il datore di lavoro e le organizzazioni sindacali concordano sull’esigenza di effettuare assunzioni a termine in superamento dei limiti quantitativi ammessi al fine di sopperire allo svolgimento di un contingente e temporaneo incremento delle attività (ad esempio, determinato dalla stipulazione di un contratto di appalto) non cessa di essere efficace se non esplicitamente previsto dall’intesa stessa.

 

Dunque, al ricorrere delle individuate condizioni e circostanze (ad esempio, nell’ipotesi in cui il datore di lavoro rinnovi il contratto d’appalto che ha già giustificato il ricorso al lavoro a tempo determinato), detto accordo è idoneo a giustificare ulteriori e future assunzioni di lavoratori con contratto a termine in superamento dei limiti quantitativi stabiliti dall’ordinamento.

 

Infatti, l’accordo in questione, pur regolando le assunzioni a termine di lavoratori in relazione ad una ben individuata circostanza collocata in un tempo trascorso, conserva la sua validità, consentendo la stipulazione di nuove assunzioni a tempo determinato, a condizione che ricorrano o permangano le esigenze organizzative e produttive precedentemente contemplate.