19 settembre 2017 - Fondo di solidarietà settore trasporto aereo - Indicazioni Inps12 settembre 2017 - Aspettativa per incarichi politici o sindacali: chiarimenti Inps per l'accredito dei contributi figurativi05 settembre 2017 - Ape volontaria - firmato il DPCM31 agosto 2017 - Fondo assistenza disabili gravi: ripartite tra le regioni le risorse per il 201725 agosto 2017 - Italia e Barbados: pubblicata la legge di ratifica della convenzione sulla doppia imposizione17 agosto 2017 - Il MISE conferma l’esenzione totale da tasse e contributi per le aree colpite dal sisma dopo il 24/8/2016.

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Accordo Expo per il lavoro
30
mar
2015

L’Unione Confcommercio di Milano, Lodi, Monza e Brianza e le Organizzazioni sindacali Filcams – CGIL, Fisascat – CISL e Uiltucs – UIL di Milano hanno sottoscritto, in data 26 marzo 2015, un accordo per il lavoro flessibile finalizzato all’Expo, valido sino al 31 marzo 2016.

L’accordo riguarda le aziende che applicano il Ccnl del Terziario, Distribuzione e Servizi e che hanno sede legale e/o operativa in Provincia di Milano.

L’Accordo si articola su 4 punti:

Apprendistato professionalizzante – fino al 31 agosto 2015 sarà possibile assumere apprendisti, per qualifiche finalizzate all’acquisizione di competenze professionali per EXPO 2015, con durata di 7 mesi;

Lavoro a tempo parziale – dalla data del 26 marzo 2015 e fino al 31 marzo 2016 potranno essere assunti lavoratori con contratto a tempo parziale della durata di 8 ore alla settimana in qualunque giorno;

Riposo giornaliero – le 11 ore di riposo potranno essere frazionate anche nel caso di “mutamento dell’organizzazione del lavoro derivante dall’ampliamento dell’offerta di vendita o servizio al pubblico e/o da afflussi straordinari di clientela”;

Iniziative a sostegno dei lavoratori attraverso EBITER Milano – tra cui l’attivazione di uno sportello di orientamento al lavoro e alla ricollocazione, la realizzazione di attività per la qualificazione e la riqualificazione di lavoratori, l’integrazione degli oneri sostenuti dai lavoratori/lavoratrici per la frequenza degli asili nido.