14 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto25 luglio 2019 - CCNL Dirigenti commercio: prorogata la scadenza al 31 dicembre 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto19 giugno 2019 - Ccnl Terziario: scadenza prorogata a dicembre 201918 giugno 2019 - CCNL Metalmeccanica – piccola e media industria (confapi): nuovi minimi retributivi da giugno 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto13 giugno 2019 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Luglio 2019

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Accordo Expo per il lavoro
30
mar
2015

L’Unione Confcommercio di Milano, Lodi, Monza e Brianza e le Organizzazioni sindacali Filcams – CGIL, Fisascat – CISL e Uiltucs – UIL di Milano hanno sottoscritto, in data 26 marzo 2015, un accordo per il lavoro flessibile finalizzato all’Expo, valido sino al 31 marzo 2016.

L’accordo riguarda le aziende che applicano il Ccnl del Terziario, Distribuzione e Servizi e che hanno sede legale e/o operativa in Provincia di Milano.

L’Accordo si articola su 4 punti:

Apprendistato professionalizzante – fino al 31 agosto 2015 sarà possibile assumere apprendisti, per qualifiche finalizzate all’acquisizione di competenze professionali per EXPO 2015, con durata di 7 mesi;

Lavoro a tempo parziale – dalla data del 26 marzo 2015 e fino al 31 marzo 2016 potranno essere assunti lavoratori con contratto a tempo parziale della durata di 8 ore alla settimana in qualunque giorno;

Riposo giornaliero – le 11 ore di riposo potranno essere frazionate anche nel caso di “mutamento dell’organizzazione del lavoro derivante dall’ampliamento dell’offerta di vendita o servizio al pubblico e/o da afflussi straordinari di clientela”;

Iniziative a sostegno dei lavoratori attraverso EBITER Milano – tra cui l’attivazione di uno sportello di orientamento al lavoro e alla ricollocazione, la realizzazione di attività per la qualificazione e la riqualificazione di lavoratori, l’integrazione degli oneri sostenuti dai lavoratori/lavoratrici per la frequenza degli asili nido.