21 settembre 2017 - Lavoratori autonomi impatriati: detassati solo dal 201719 settembre 2017 - Fondo di solidarietà settore trasporto aereo - Indicazioni Inps12 settembre 2017 - Aspettativa per incarichi politici o sindacali: chiarimenti Inps per l'accredito dei contributi figurativi05 settembre 2017 - Ape volontaria - firmato il DPCM31 agosto 2017 - Fondo assistenza disabili gravi: ripartite tra le regioni le risorse per il 201725 agosto 2017 - Italia e Barbados: pubblicata la legge di ratifica della convenzione sulla doppia imposizione

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Alcune novità utili per la prossima dichiarazione dei redditi da lavoro subordinato presente nel CUD 2014
26
mar
2014

Il “Cud 2014 ” relativo ai redditi dell’anno 2014 vede l’introduzione dell’indicazione delle «somme restituite al soggetto erogatore già tassate in anni precedenti» in cui verranno esposte le somme che il contribuente non ha potuto recuperare nell’anno della restituzione. Detta voce – indicata nella casella 130 – sarà riferita ai residui degli importi (derivanti ad esempio da riforme di sentenze, recupero di competenze ferie fruite in eccesso rispetto al maturato da un lavoratore cessato) che potranno essere recuperare in sede di dichiarazione dei redditi nel 2014 e negli anni successivi o con rimborso da richiedere all’amministrazione finanziaria.

Sono inoltre presenti alcune nuove indicazioni:

  • - annotazione CC, funzionale a precisare che nel caso di contributi per previdenza  complementare certificati in più Cud non conguagliati;
  • - annotazione AC, da utilizzarsi nel caso di rapporto di lavoro iniziato/cessato in corso d’anno se il sostituto d’imposta ha riconosciuto la detrazione per carichi familiari limitatamente al periodo di lavoro, in quanto il lavoratore non ne ha chiesto l’applicazione per l’intero anno;
  • - l’annotazione BQ, informa della presenza di redditi esenti per espressa previsione di legge come le retribuzioni corrisposte da enti e organismi internazionali, le borse/assegni di studio e di ricerca esentate da specifiche disposizioni normative (per esempio le leggi 398/1989, 210/1998, 240/2010), le somme esenti corrisposte dall’Inail o dall’Inps.

L’annotazione AJ, invece, riguarda la specifica casistica dei redditi che sono stati parzialmente o totalmente esentati da imposizione in Italia, in quanto tassati nello Stato estero di residenza fiscale del percipiente, per effetto dell’applicazione di una convenzione contro le doppie imposizioni.