21 settembre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Agosto 201817 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’ 02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Ammortizzatori sociali in deroga e azioni di politica attiva
02
feb
2017

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con propria circolare ha fornito ulteriori chiarimenti in materia di ammortizzatori sociali in deroga, con particolare riferimento all’avvio delle azioni di politica attiva del lavoro.

Nello specifico, il Ministero, considerando che solo in data 22.12.2016 è stato emanato il Decreto con cui vengono assegnate alle Regioni e province autonome ulteriori risorse per la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga, ha stabilito che, al fine di consentire l’utilizzo delle risorse da ultimo assegnate, il termine del 31.12.2016 entro cui devono essere finalizzare tali risorse ad azioni di politica attiva è prorogato sino al 31 marzo 2017.

Il termine ultimo del 31 marzo 2017 si riferisce esclusivamente all’avvio delle azioni di politica attiva del lavoro, fermo restando i termini già indicati nella richiamata circolare n. 34 del 04.11.2016 per la decretazione dei restanti provvedimenti.

In aggiunta il Ministero chiarisce che i trattamenti di mobilità in deroga possono seguire unicamente a precedenti trattamenti di mobilità in deroga e/o ordinari. Detti trattamenti, quindi, non possono essere oggetto di decretazione da parte delle Regioni e Province Autonome qualora facciano seguito a precedenti trattamenti di disoccupazione quali ASpI, NASpI e ASDI.