12 febbraio 2018 - Comuni colpiti dal sisma nel 2016 e 2017: pubblicato l’elenco dei beneficiari ammessi alle agevolazioni previste per la Zona franca urbana 01 febbraio 2018 - Prospetto informativo disabili: posticipato l’invio al 28 febbraio 201824 gennaio 2018 - Giornalisti: pubblicati i minimali e i massimali per il 201811 gennaio 2018 - Pensioni: reso noto il calendario dei pagamenti 201802 gennaio 2018 - Tabelle ACI 2018: pubblicate in gazzetta ufficiale18 dicembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di novembre 201711 dicembre 2017 - ANPAL: DID – a regime le nuove modalità di registrazione06 dicembre 2017 - Il Decreto fiscale è legge - Pubblicata la legge n.172/2017 c.d. collegato fiscale alla Legge di Bilancio 201830 novembre 2017 - Reddito di inclusione - dal 1° dicembre le domande23 novembre 2017 - Misure di contrasto alla povertà: disponibili le istruzioni operative INPS

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Ammortizzatori sociali in deroga e azioni di politica attiva
02
feb
2017

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con propria circolare ha fornito ulteriori chiarimenti in materia di ammortizzatori sociali in deroga, con particolare riferimento all’avvio delle azioni di politica attiva del lavoro.

Nello specifico, il Ministero, considerando che solo in data 22.12.2016 è stato emanato il Decreto con cui vengono assegnate alle Regioni e province autonome ulteriori risorse per la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga, ha stabilito che, al fine di consentire l’utilizzo delle risorse da ultimo assegnate, il termine del 31.12.2016 entro cui devono essere finalizzare tali risorse ad azioni di politica attiva è prorogato sino al 31 marzo 2017.

Il termine ultimo del 31 marzo 2017 si riferisce esclusivamente all’avvio delle azioni di politica attiva del lavoro, fermo restando i termini già indicati nella richiamata circolare n. 34 del 04.11.2016 per la decretazione dei restanti provvedimenti.

In aggiunta il Ministero chiarisce che i trattamenti di mobilità in deroga possono seguire unicamente a precedenti trattamenti di mobilità in deroga e/o ordinari. Detti trattamenti, quindi, non possono essere oggetto di decretazione da parte delle Regioni e Province Autonome qualora facciano seguito a precedenti trattamenti di disoccupazione quali ASpI, NASpI e ASDI.