10 maggio 2021 - Permessi Legge 104:Fruizione frazionata anche in caso di lavoro agile07 maggio 2021 - AE: Smart working, rimborso spese dipendenti non imponibile05 maggio 2021 - UNIEMENS: Le modifiche ai codici Contratto operative da maggio 202103 maggio 2021 - INPS: Incarichi COVID-19 personale sanitario, cumulabilità con la pensione28 aprile 2021 - Reddito di Emergenza: prorogato al 31 maggio il termine di presentazione delle domande26 aprile 2021 - Presentato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza23 aprile 2021 - Codici contratto UniEmens: aggiornamento da maggio 202122 aprile 2021 - Decreto Riaperture approvato dal Consiglio dei Ministri04 marzo 2021 - Assegno di natalità: domande dal 3 marzo

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Certificato di regolarità fiscale – Applicazioni
03
mar
2020

L’Agenzia delle Entrate ha reso noto che le imprese appaltatrici (e subappaltatrici) nonché le imprese affidatarie dell’esecuzione di un’opera o di un servizio rientranti nell’ambito d’applicazione dell’articolo 17-bis del D.Lgs. 9 aprile 1997, n. 241 potranno ottenere il certificato di regolarità fiscale predisposto con procedure automatizzate, attivando un’apposita applicazione reperibile nell’area riservata del cassetto fiscale del contribuente.

 

L’automatizzazione della procedura richiede l’effettuazione di riscontri di dati attinti dal sistema informativo sia dell’Anagrafe tributaria che degli agenti della riscossione; la complessa architettura informatica e la creazione di flussi informativi che garantiscano il corretto interscambio di dati richiederà un tempo di perfezionamento di qualche mese.

 

Sino ad allora, le imprese rientranti nell’ambito di applicazione dell’articolo 17-bis del D.Lgs. 9 luglio 1997, n. 241 potranno ottenere il certificato in esame - in formato cartaceo - recandosi presso un qualunque ufficio territoriale della Direzione provinciale competente in base al domicilio fiscale dell’impresa (laddove trattasi di grandi contribuenti il certificato è disponibile presso le Direzioni regionali).   

 

Come previsto dalla citata disposizione così come stabilito dalla stessa AdE con provvedimento 6 febbraio 2020, n. 54730, il certificato è a disposizione a decorrere dal terzo giorno lavorativo di ogni mese e ha validità di quattro mesi. Sino a quando non sarà disponibile l’applicazione che consentirà di ottenere il certificato per via telematica, è opportuno che le imprese interessate richiedano il rilascio del certificato al competente ufficio con congruo anticipo rispetto ai termini di versamento delle ritenute fiscali mediante modello ‘F24’ dovute con riferimento alle retribuzioni corrisposte ai lavoratori impiegati direttamente dall’appaltatore (ed eventualmente dal subappaltatore) e dall’impresa affidataria nell’esecuzione del contratto.