17 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Certificato penale del casellario giudiziale per chi lavora a contatto con i minori
03
apr
2014

È stato pubblicato, sulla G.U. n. 68 del 22 marzo 2014, il D. Lgs. n. 39/2014, recante “Attuazione della Direttiva 2011/93/UE relativa alla lotta contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografica minorile”.

Dal 6 aprile i soggetti che intendono impiegare al lavoro una persona per lo svolgimento di attività professionale o attività di volontariato che comportino un contatto diretto e regolare con i minori dovranno richiedere il certificato penale del casellario giudiziale al fine di verificare l’assenza di condanne per reati riguardanti:

- la prostituzione e pornografia minorile (art. 600 bis e ter c.p.);

- la detenzione di materiale pornografico (art. 600 quater c.p.)

- le Iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile (art. 600 quinquies c.p.);

- l’ adescamento di minori (art. 609 – undecies c.p.);

- ovvero l’irrogazione di sanzioni interdittive all’esercizio di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori.

Il mancato adempimento di tale obbligo da parte del datore di lavoro interessato comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 10.000 ad euro 15.000.

Il Ministero con Nota del 3 aprile 2014 chiarisce che l’obbligo dell’adempimento in questione sorge solo ove il soggetto che intenda avvalersi dell’opera di terzi si appresti alla stipula di un contratto di lavoro; l’obbligo non sorge invece ove si avvalga di forme di collaborazione che non si strutturino all’interno di un definito rapporto di lavoro.