27 novembre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Ottobre 201809 novembre 2018 - Rottamazione-ter: disponibili i modelli sul sito dell'Agenzia delle Entrate05 novembre 2018 - Agenzia delle Entrate-Riscossione: attivo il servizio "SALTA FILA" per i contribuenti26 ottobre 2018 - Apprendistato duale: accordo della Regione Veneto per artigianato e PMI17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’

POSTATO DA Arlati Ghislandi
TAG: MOBBING
Configurazione di condotte vessatorie e di un contesto ‘mobizzante’ - Elementi essenziali
17
mag
2019

È fondato il convincimento del giudice di merito secondo cui, nonostante l’accertamento di un episodio ingiurioso grave, non costituiscono condotta mobizzante, ad esempio, il cambio di stanza del lavoratore, le ripetute attese per conferire con il superiore e l’omessa convocazione per direttive.

 

Con ordinanza 10 aprile 2019, n. 10043, la Corte di Cassazione ha rigettato l’istanza del lavoratore volta ad ottenere il riconoscimento di un danno non patrimoniale derivante dalla volontà vessatoria del superiore gerarchico che avrebbe realizzato condotte ispirate da intento persecutorio e discriminatorio.

 

La Suprema Corte ha ritenuto di non poter individuare un contesto ‘mobizzante’, nonostante il giudice di merito abbia accertato la fondatezza di un unico episodio ingiurioso ‘riscontrandone il nesso causale con l’invalidità temporanea assoluta della durata di sessanta giorni, e con la successiva invalidità parziale temporanea della durata di 90 giorni puntualmente riscontrate dalla C.T.U. medico legale acquisita agli atti del processo’. Più precisamente, il giudice di merito ha condannato il superiore gerarchico per aver insultato in una sola dimostrata occasione il lavoratore in presenza di altri colleghi, abusando del proprio ruolo e funzione, rendendosi altresì responsabile per la violazione dell’obbligo di protezione dell’integrità psico-fisica del lavoratore.

 

Non è stato rilevato vizio alcuno logico-argomentativo circa il fatto che il cambio di stanza, le attese per essere ricevuto dal superiore e l’omessa convocazione per essere messo a parte di direttive e linee di indirizzo per la conduzione dell’ufficio non costituiscano elementi idonei ad integrare gli estremi di un intento persecutorio, potendo essere giustificati da necessità derivanti dall’espletamento del servizio. In tal senso, il giudice di merito non ha infatti mancato di considerare e ponderare alcun ‘fatto storico’ decisivo (documentale o testimoniale) tra quelli dedotti in giudizio dal ricorrente.