21 settembre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Agosto 201817 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’ 02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Contratti a tempo determinato e disciplina delle proroghe
22
mar
2017

La disciplina del contratto a tempo determinato ha subito negli ultimi anni profonde revisioni soprattutto per quel che riguarda la materia delle proroghe.

Possono infatti verificarsi le seguenti situazioni:

- Contratti a tempo determinato stipulati ante DL n. 34/2014 (ossia prima del 21 marzo 2014) potranno essere prorogati una sola volta come prevedeva il D.Lgs. n. 368/2001 ante riforma;

- contratti a termine, stipulati nel periodo transitorio, ossia tra il 21 marzo e il 19 maggio 2014. Tali contratti potranno essere prorogati al massimo 8 volte;

- contratti a termine stipulati dopo la conversione in legge del DL n. 34/2014 (ossia dopo il 20 maggio 2014 ed attualmente in vigore) potranno essere prorogati al massimo 5 volte nell'arco della durata complessiva di 36 mesi.

Alla luce di tali previsioni normative preme evidenziare che sono trascorsi ormai 36 mesi dalla data di adozione del Decreto Poletti (DL n. 34/2014) pertanto i contratti stipulati ante DL n. 34/2014 e soggetti solo ad 1 proroga hanno esaurito la loro durata complessiva di 36 mesi.