18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività15 marzo 2018 - Consegna delle CU ai dipendenti entro il 31 marzo07 marzo 2018 - Entro il 7 marzo invio delle certificazioni uniche

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Contratti a tempo determinato e disciplina delle proroghe
22
mar
2017

La disciplina del contratto a tempo determinato ha subito negli ultimi anni profonde revisioni soprattutto per quel che riguarda la materia delle proroghe.

Possono infatti verificarsi le seguenti situazioni:

- Contratti a tempo determinato stipulati ante DL n. 34/2014 (ossia prima del 21 marzo 2014) potranno essere prorogati una sola volta come prevedeva il D.Lgs. n. 368/2001 ante riforma;

- contratti a termine, stipulati nel periodo transitorio, ossia tra il 21 marzo e il 19 maggio 2014. Tali contratti potranno essere prorogati al massimo 8 volte;

- contratti a termine stipulati dopo la conversione in legge del DL n. 34/2014 (ossia dopo il 20 maggio 2014 ed attualmente in vigore) potranno essere prorogati al massimo 5 volte nell'arco della durata complessiva di 36 mesi.

Alla luce di tali previsioni normative preme evidenziare che sono trascorsi ormai 36 mesi dalla data di adozione del Decreto Poletti (DL n. 34/2014) pertanto i contratti stipulati ante DL n. 34/2014 e soggetti solo ad 1 proroga hanno esaurito la loro durata complessiva di 36 mesi.