17 novembre 2017 - Whistleblowing: approvata definitivamente la proposta di legge15 novembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di ottobre 201714 novembre 2017 - Assegno di natalità 2017 - DSU da presentare entro il 31 dicembre 201713 novembre 2017 - Controlli automatizzati: istituiti i codici tributo07 novembre 2017 - Distacco transnazionale - il Ministero aggiorna le faq27 ottobre 2017 - Edilizia: per l’iscrizione alle Casse edili è necessario il Durc

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Contratti a tempo determinato e disciplina delle proroghe
22
mar
2017

La disciplina del contratto a tempo determinato ha subito negli ultimi anni profonde revisioni soprattutto per quel che riguarda la materia delle proroghe.

Possono infatti verificarsi le seguenti situazioni:

- Contratti a tempo determinato stipulati ante DL n. 34/2014 (ossia prima del 21 marzo 2014) potranno essere prorogati una sola volta come prevedeva il D.Lgs. n. 368/2001 ante riforma;

- contratti a termine, stipulati nel periodo transitorio, ossia tra il 21 marzo e il 19 maggio 2014. Tali contratti potranno essere prorogati al massimo 8 volte;

- contratti a termine stipulati dopo la conversione in legge del DL n. 34/2014 (ossia dopo il 20 maggio 2014 ed attualmente in vigore) potranno essere prorogati al massimo 5 volte nell'arco della durata complessiva di 36 mesi.

Alla luce di tali previsioni normative preme evidenziare che sono trascorsi ormai 36 mesi dalla data di adozione del Decreto Poletti (DL n. 34/2014) pertanto i contratti stipulati ante DL n. 34/2014 e soggetti solo ad 1 proroga hanno esaurito la loro durata complessiva di 36 mesi.