17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201820 agosto 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’ 02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Contratti di prossimità: trattamento fiscale dell’indennizzo riconosciuto ai lavoratori
16
feb
2018

Con risoluzione n. 16/E del 15 febbraio 2018 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla corretta modalità di tassazione degli emolumenti corrisposti ai lavoratori dipendenti in esecuzione dei c.d. contratti collettivi di prossimità (art. 8 DL 13 agosto 2011, n. 138).

In particolare, si conferma che le indennità erogate a titolo di indennizzo, in esecuzione dei citati contratti finalizzati alla gestione delle crisi aziendali, concorrono alla formazione del reddito, ai sensi dell’art. 6, comma 2, del TUIR.

I contratti di prossimità sono, infatti, contratti stipulati a livello aziendale o territoriale che, al fine del perseguimento di specifici obiettivi (salvaguardia dell’occupazione, incremento della produttività e del salario ecc.), possono derogare alla legge o ai contratti collettivi nell’ambito di materie tassativamente indicate. Tra tali materie non è ricompresa la normativa fiscale.