04 marzo 2021 - Assegno di natalità: domande dal 3 marzo 02 marzo 2021 - DPCM 2 marzo 2021: Nuove misure anti COVID-19 in vigore dal 6 marzo 202101 marzo 2021 - Inserirei Amministrazioni: solo SPID dal 1° marzo23 febbraio 2021 - Proroga divieto spostamento tra Regioni sino al 27 marzo - Comunicato stampa CdM19 febbraio 2021 - Fondo Nuove Competenze: l’ANPAL recepisce la proroga al 30 giugno 2021 e modifica i termini della fase istruttoria18 febbraio 2021 - Riforma IRPEF: preannunciate semplificazione e razionalizzazione del prelievo15 febbraio 2021 - Buoni pasto e smart working: l’Agenzia delle Entrate conferma l’esenzione fiscale12 febbraio 2021 - Nuovo Esonero contributivo in alternativa a trattamenti di integrazione salariale, primi chiarimenti INPS

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Copertura INAIL per i medici specializzandi
08
feb
2021

Il contratto di formazione specialistica dei medici, che non dà luogo a un rapporto di lavoro subordinato e né è riconducibile all'alveo dei rapporti di lavoro parasubordinati, è oggetto di una specifica disciplina in materia previdenziale.

 

In primis, alla luce del principio esresso dall'articolo 38 della Costituzione che riconsoce alla generalità dei lavoratori la tutela contro gli infortuni, l’attività dei medici specializzandi non può non essere soggetta alla copertura assicurativa INAIL.

 

L’azienda sanitaria - titolare della complessiva organizzazione al cui interno è inserita l’attività dei medici specializzandi - è pertanto la destinataria dellobbligo assicurativo che copra detta peculiare prestazione sia sotto il profilo attivo (per i rischi causati) che passivo (per i danni subìti).

 

L’azienda ospedaliera è quindi tenuta a versare i premi assicurativi INAIL anche con riferimento ai medici specializzandi.

 

(Corte di Cassazione, sentenza 13 gennaio 2021, n. 443)