14 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto25 luglio 2019 - CCNL Dirigenti commercio: prorogata la scadenza al 31 dicembre 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto19 giugno 2019 - Ccnl Terziario: scadenza prorogata a dicembre 201918 giugno 2019 - CCNL Metalmeccanica – piccola e media industria (confapi): nuovi minimi retributivi da giugno 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto13 giugno 2019 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Luglio 2019

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Criteri di scelta nel licenziamento collettivo
08
mar
2018

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 2694 del 5 febbraio 2018, conferma alcuni consolidati principi riguardanti il contenuto della comunicazione di avvio del licenziamento collettivo e l’individuazione dei criteri di scelta.

In particolare, è stato ribadito che la comunicazione prevista dalla legge 223/1991 art. 4, può dirsi in contrasto con il normativo obbligo di trasparenza, se presenta (contestualmente) i seguenti vizi:

a) i dati comunicati dal datore siano incompleti o inesatti;

b) la funzione sindacale di controllo e valutazione sia stata limitata;

c) sussista un rapporto causale fra l'indicata carenza e la limitazione della funzione sindacale».

Con riferimento all’utilizzo del criterio di scelta del raggiungimento dell’età pensionabile la Corte ha osservato che tale criterio è legittimo non consentendo la sua applicazione alcun margine di discrezionalità all’azienda e che lo stesso rientra nell'ambito delle misure idonee a ridurre l'impatto sociale dei licenziamenti.