11 gennaio 2018 - Pensioni: reso noto il calendario dei pagamenti 201802 gennaio 2018 - Tabelle ACI 2018: pubblicate in gazzetta ufficiale18 dicembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di novembre 201711 dicembre 2017 - ANPAL: DID – a regime le nuove modalità di registrazione06 dicembre 2017 - Il Decreto fiscale è legge - Pubblicata la legge n.172/2017 c.d. collegato fiscale alla Legge di Bilancio 201830 novembre 2017 - Reddito di inclusione - dal 1° dicembre le domande23 novembre 2017 - Misure di contrasto alla povertà: disponibili le istruzioni operative INPS17 novembre 2017 - Whistleblowing: approvata definitivamente la proposta di legge

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Dal 2015 nuovo modello di Certificazione Unica (CU)
29
set
2014

Con un recente comunicato stampa l’Agenzia delle Entrate ha divulgato la nuova bozza della Certificazione Unica (CU) per il 2015 che andrà a sostituire il Cud.

Il nuovo modello, consentirà di far confluire in un unico documento tutti i redditi corrisposti nel 2014: non solo, quindi, quelli di lavoro dipendente e assimilati, ma anche quelli finora certificati in forma libera (per esempio di lavoro autonomo e “redditi diversi”) . Tra le principali novità, nella Certificazione trova spazio una sezione per gestire il bonus Irpef di 80 euro riconosciuto ai lavoratori dipendenti e ad alcune categorie assimilate.

Entro il 7 marzo di ogni anno (9 marzo nel 2015, in quanto il 7 cade di sabato) i dati delle certificazioni uniche rilasciate devono essere inviati, per via telematica, all’Agenzia delle Entrate che li utilizzerà, fra l’altro, per predisporre il mod.730/2015 precompilato che sarà messo a disposizione dei soggetti, che per la tipologia di reddito posseduta, sono ammessi a presentare la dichiarazione con questa modalità semplificata.

La bozza della nuova Certificazione Unica è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.gov.it seguendo il percorso Home – Strumenti – Modelli – Modelli in bozza.