19 febbraio 2018 - Mod. 770/2018: Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione12 febbraio 2018 - Comuni colpiti dal sisma nel 2016 e 2017: pubblicato l’elenco dei beneficiari ammessi alle agevolazioni previste per la Zona franca urbana 01 febbraio 2018 - Prospetto informativo disabili: posticipato l’invio al 28 febbraio 201824 gennaio 2018 - Giornalisti: pubblicati i minimali e i massimali per il 201811 gennaio 2018 - Pensioni: reso noto il calendario dei pagamenti 201802 gennaio 2018 - Tabelle ACI 2018: pubblicate in gazzetta ufficiale18 dicembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di novembre 201711 dicembre 2017 - ANPAL: DID – a regime le nuove modalità di registrazione06 dicembre 2017 - Il Decreto fiscale è legge - Pubblicata la legge n.172/2017 c.d. collegato fiscale alla Legge di Bilancio 201830 novembre 2017 - Reddito di inclusione - dal 1° dicembre le domande

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Decontribuzione legata alla contrattazione di secondo livello per l’anno 2015
01
giu
2015

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 123 del 29 maggio 2015 il Decreto Interministeriale 8 aprile 2015, con cui viene determinata per l’anno 2015 la misura massima percentuale della retribuzione di secondo livello oggetto dello sgravio contributivo previsto dall’art. 1, commi 67 e 68, della Legge n. 247/2007.

Il Decreto Interministeriale ha previsto, per l’anno 2015, lo stanziamento di risorse nel limite complessivo di 391 milioni di euro - ripartite nella misura del 62,5% per la contrattazione aziendale e del 37,5% per la contrattazione territoriale - al fine di incentivare la contrattazione collettiva di secondo livello.

Pertanto, a partire dal 1° gennaio 2015, viene concesso ai datori di lavoro uno sgravio contributivo, con riferimento alle somme corrisposte nell’anno 2014 e nei limiti finanziari annui, sulla quota costituita dalle erogazioni previste dai contratti collettivi di secondo livello (aziendali ovvero territoriali) nella misura dell’1,60% della retribuzione contrattuale percepita.

Per l’invio delle istanze si dovranno in ogni caso attendere le istruzioni operative dell’Istituto Previdenziale, ad oggi non ancora note.