29 luglio 2020 - SMART&STARTITALIA: incentivi rifinanziati e ampliati per le startup29 luglio 2020 - RESTOALSUD: incremento di fondo perduto e finanziamento massimo20 marzo 2020 - Indice di rivalutazione dei crediti di lavoro aggiornato a marzo 202014 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto15 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Elementi di genuinità del contratto d’appalto
18
mag
2020

È possibile ravvisare un contratto di appalto (o di eventuale subappalto) illecito nell’ipotesi in cui l’appaltatore manchi di:

-        organizzare la forza lavoro;

-        assumersi il rischio d’impresa;

-        assumersi la responsabilità dell’organizzazione dei mezzi;

-        esercitare i poteri tipici datoriali, ad esclusione del controllo tecnico sul corretto svolgimento delle attività in quanto non interferisce con i poteri di gestione che dovrebbero appartenere all’appaltatore stesso.

 

È esclusa la liceità del contratto di appalto ove l’appaltatore preservi i soli compiti di gestione amministrativa del rapporto (quali la retribuzione e la pianificazione delle ferie), non curandosi della reale organizzazione del lavoro volta al raggiungimento di un risultato produttivo autonomo e a garantire il rispetto dei vincoli contrattuali.

 

Ove i lavoratori siano stabilmente inseriti nell’organizzazione del ‘committente’ non può che escludersi la sussistenza del contratto d’appalto, riconoscendo l’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato tra il committente e i lavoratori impiegati nell’esecuzione dell’appalto non genuino.

 

(Corte di Cassazione, sentenza 28 aprile 2020, n. 8256)