17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201820 agosto 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’ 02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Garante per la protezione dei dati personali - Programmazione dell’attività ispettiva per l’anno 2018
01
ago
2018

Il Garante per la protezione dei dati ha reso note le linee programmatiche dell’attività ispettiva che, anche in ragione dell’entrata in vigore del Regolamento 27 aprile 2016, n. 679 (GDPR) in data 25 maggio 2018, ha previsto saranno effettuate nel corso del corrente anno.

 

Con deliberazione 26 luglio 2018, il Garante per la protezione dei dati personali, rilevata l’opportunità di svolgere un’attività di controllo sui trattamenti maggiormente rilevanti per dimensioni e concentrazione di dati, ha delineato principi e criteri dell’attività ispettiva d’iniziativa per l’anno 2018.

 

Tale attività, condotta anche per mezzo della Guardia di Finanza, sarà orientata a svolgere accertamenti a tutela di interessi generali per categorie di interessati nell’ambito di trattamenti di dati effettuati:

-        da società ed enti che gestiscono banche dati di rilevanti dimensioni;

-        presso istituti di credito;

-        da società di telemarketing.

 

L’attività di controllo riguarderà altresì i soggetti pubblici e privati circa: i) i presupposti di liceità del trattamento, ii) le condizioni per il consenso, iii) il rispetto dell’obbligo di informativa e iv) la durata della conservazione dei dati.

 

Il Garante ha programmato 30 accertamenti, ma saranno avviate ulteriori attività istruttorie di carattere ispettivo con riferimento a segnalazioni o reclami che saranno proposti.

 

A conclusione del semestre, il Garante riferirà in ordine all’andamento dell’attività ispettiva, a qualunque titolo compiuta.