21 settembre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Agosto 201817 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’ 02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Il mero rinvio ad una procedura di riduzione del personale non giustifica il licenziamento del dirigente
20
set
2018

È illegittimo il licenziamento del dirigente le cui motivazioni siano state meramente ricondotte dal datore di lavoro alla sola apertura di una procedura di riduzione del personale.

 

Con sentenza 21 agosto 2018, n. 20876, la Corte di Cassazione ha precisato che il licenziamento di un lavoratore con qualifica dirigenziale può essere fondato i) sul venir meno del rapporto di fiducia così come ii) su ragioni oggettive che afferiscono all’organizzazione aziendale. Il licenziamento del dirigente è pertanto consentito anche quando il datore di lavoro reputi eccessivamente oneroso far continuare il rapporto di lavoro subordinato in essere. Infatti, ‘il principio di buona fede e correttezza, che costituisce il parametro su cui misurare la legittimità del licenziamento, deve essere coordinato con la libertà di iniziativa economica, garantita dall’articolo 41 della Costituzione’.

 

Dunque, se è illegittimo il licenziamento del dirigente laddove il datore di lavoro si limiti a giustificarlo con la mera indicazione dell’avvio (e conclusione) di una procedura per la riduzione del personale (nella quale il dirigente licenziato non è stato coinvolto) ai sensi della Legge 23 luglio 1991, n. 223, diversamente potrebbe argomentarsi quando il licenziamento, oltre che richiamare l’esigenza di riduzione del personale, menzioni la necessità di procedere ad una riduzione dei costi e dell’organico che, nel caso di specie, era resa necessaria a motivo degli insoddisfacenti risultati negli ultimi due anni, sia di natura gestionale che economico (e circostanziati sia nella comunicazione preventiva di avvio della procedura di cui alla richiamata Legge 23 luglio 1991, n. 223 che nell’accordo raggiunto con le organizzazioni sindacali).

 

A giudizio della Suprema Corte, la legittimità del licenziamento del dirigente deve essere verificata accertando se le ragioni poste a fondamento del licenziamento stesso fossero effettivamente sussistenti ed avessero in concreto coinvolto la posizione del dirigente licenziato.