18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività15 marzo 2018 - Consegna delle CU ai dipendenti entro il 31 marzo07 marzo 2018 - Entro il 7 marzo invio delle certificazioni uniche

POSTATO DA Arlati Ghislandi
In vigore le nuove regole sul contratto a tutele crescenti
07
mar
2015

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 marzo 2015, il Decreto Legislativo n. 23 del 4 marzo 2015, attuativo della riforma dei licenziamenti.

Pertanto dal 7 marzo 2015 per tutti i lavoratori che inizieranno un rapporto di lavoro a tempo indeterminato o che vedranno trasformarsi a tempo indeterminato un precedente rapporto a tempo determinato, si applicherà il nuovo sistema di tutele contro il licenziamento illegittimo.

In tale ipotesi, (ad eccezione dei casi di licenziamento illegittimo per insussistenza del fatto materiale contestato ovvero di licenziamento discriminatorio), non sarà più prevista la reintegrazione sul posto di lavoro, ma un indennizzo economico certo e crescente in ragione dell’anzianità di servizio.

Con il nuovo regime il legislatore si prefigge lo scopo di “flessibilizzare” il mercato del lavoro rendendolo tra l’altro più appetibile alle società estere. L’importanza delle indennità risarcitorie e l’incognita del giudizio rimangono pero’ questioni difficili da interpretare.