23 novembre 2017 - Misure di contrasto alla povertà: disponibili le istruzioni operative INPS17 novembre 2017 - Whistleblowing: approvata definitivamente la proposta di legge15 novembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di ottobre 201714 novembre 2017 - Assegno di natalità 2017 - DSU da presentare entro il 31 dicembre 201713 novembre 2017 - Controlli automatizzati: istituiti i codici tributo07 novembre 2017 - Distacco transnazionale - il Ministero aggiorna le faq27 ottobre 2017 - Edilizia: per l’iscrizione alle Casse edili è necessario il Durc

POSTATO DA Arlati Ghislandi
In vigore le nuove regole sul contratto a tutele crescenti
07
mar
2015

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 marzo 2015, il Decreto Legislativo n. 23 del 4 marzo 2015, attuativo della riforma dei licenziamenti.

Pertanto dal 7 marzo 2015 per tutti i lavoratori che inizieranno un rapporto di lavoro a tempo indeterminato o che vedranno trasformarsi a tempo indeterminato un precedente rapporto a tempo determinato, si applicherà il nuovo sistema di tutele contro il licenziamento illegittimo.

In tale ipotesi, (ad eccezione dei casi di licenziamento illegittimo per insussistenza del fatto materiale contestato ovvero di licenziamento discriminatorio), non sarà più prevista la reintegrazione sul posto di lavoro, ma un indennizzo economico certo e crescente in ragione dell’anzianità di servizio.

Con il nuovo regime il legislatore si prefigge lo scopo di “flessibilizzare” il mercato del lavoro rendendolo tra l’altro più appetibile alle società estere. L’importanza delle indennità risarcitorie e l’incognita del giudizio rimangono pero’ questioni difficili da interpretare.