27 novembre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Ottobre 201809 novembre 2018 - Rottamazione-ter: disponibili i modelli sul sito dell'Agenzia delle Entrate05 novembre 2018 - Agenzia delle Entrate-Riscossione: attivo il servizio "SALTA FILA" per i contribuenti26 ottobre 2018 - Apprendistato duale: accordo della Regione Veneto per artigianato e PMI17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Incentivo occupazione giovani (NEET)
10
gen
2019

E’ stato prorogato l’incentivo occupazione NEET per le assunzioni effettuate nel corso dell’anno 2019 di giovani di età compresa tra 16 e 29 anni non inseriti in un percorso di studio o formazione e aderenti al programma ‘Garanzia Giovani’. L’incentivo consiste in uno sgravio contributivo concesso nella misura massima di € 8.060,00 su base annua.

 

Con Decreto Direttoriale28 dicembre 2018, n. 581 è stato prorogato l’Incentivo Occupazione NEET per le assunzioni effettuate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019 di giovani di età compresa tra 16 e 29 anni che non siano inseriti in un percorso di studio o formazione e aderiscano al programma ‘Garanzia Giovani’, sempre che detta assunzione non rappresenti l’adempimento di un obbligo legale o contrattuale. Peraltro, se di età inferiore a 18 anni, il lavoratore può essere assunto a condizione che abbia assolto al diritto-dovere all’istruzione e formazione.

 

Sono incentivati i rapporti di lavoro a tempo indeterminato (anche a scopo di somministrazione) e di apprendistato professionalizzante.

 

L’effettiva fruizione del beneficio, riconosciuto nel caso di assunzione di un giovane con contratto di lavoro a tempo indeterminato (anche a scopo di somministrazione) o di apprendistato professionalizzante, è subordinata al perfezionamento di una apposita procedura regolata dall’INPS ed è concesso secondo l’ordine cronologico di presentazione dell’istanza telematica nel limite delle risorse stanziate per l’anno 2019.

 

L’incentivo, che è pari alla contribuzione previdenziale posta a carico del datore di lavoro per un importo massimo annuo di € 8.060,00, è riconosciuto su base mensile in relazione al medesimo lavoratore per un solo rapporto di lavoro (anche se a tempo parziale) previa presentazione di un apposito modulo d’istanza on line (a breve disponibile sul sito istituzionale dell’INPS nell’applicazione ‘DiResCo-Dichiarazioni di responsabilità del contribuente’). E’ opportuno precisare che in caso di accoglimento della domanda, il datore di lavoro dovrà, entro il termine perentorio di dieci giorni, comunicare l’avvenuta assunzione, chiedendo la conferma della prenotazione mediante domanda definitiva di ammissione al beneficio.

 

L’incentivo non si applica a premi e contributi dovuti all’INAIL.

 

L’incentivo, che rientra tra le misure agevolative soggette alla normativa in materia di aiuti di Stato (‘de minimis’), dovrà essere fruito, a pena di decadenza, entro il 28 febbraio 2021.

 

Sono confermate le indicazioni ed istruzioni già dettate dal Decreto Direttoriale 2 gennaio 2018, n. 3.