04 marzo 2021 - Assegno di natalità: domande dal 3 marzo 02 marzo 2021 - DPCM 2 marzo 2021: Nuove misure anti COVID-19 in vigore dal 6 marzo 202101 marzo 2021 - Inserirei Amministrazioni: solo SPID dal 1° marzo23 febbraio 2021 - Proroga divieto spostamento tra Regioni sino al 27 marzo - Comunicato stampa CdM19 febbraio 2021 - Fondo Nuove Competenze: l’ANPAL recepisce la proroga al 30 giugno 2021 e modifica i termini della fase istruttoria18 febbraio 2021 - Riforma IRPEF: preannunciate semplificazione e razionalizzazione del prelievo15 febbraio 2021 - Buoni pasto e smart working: l’Agenzia delle Entrate conferma l’esenzione fiscale12 febbraio 2021 - Nuovo Esonero contributivo in alternativa a trattamenti di integrazione salariale, primi chiarimenti INPS

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Incidente sul lavoro - Risarcibilità della sofferenza interiore e del pregiudizio relazionale
28
dic
2020

Il lavoratore che abbia subìto un danno alla salute determinato da un incidente sul lavoro ha diritto a uno specifico risarcimento sia con riferimento alla sofferenza interiore patita che per il pregiudizio arrecato alla sua dimensione relazionale.

 

Il risarcimento del danno biologico al lavoratore (per invalidità temporanea o permanente) che si calcola in funzione di parametri tabellari predefiniti (età e percentuale dell’invalidità) deve essere necessariamente ‘personalizzato’ in considerazione di due distinti e ulteriori ambiti fenomenologici:

-       l’aspetto interiore del danno sofferto (il cosiddetto ‘danno morale’ provocato dal dolore, dalla vergogna, dalla disistima di sé, dalla paura e dalla disperazione);

-       l’aspetto esteriore o dinamico-relazionale (destinato ad incidere in senso peggiorativo sulla totalità delle relazioni del soggetto).

Pertanto, non costituisce una duplicazione risarcitoria la differente ed autonoma valutazione della sofferenza interiore patita dal lavoratore come conseguenza della lesione del suo diritto alla salute.

 

Costituisce invece un’illegittima duplicazione risarcitoria la congiunta attribuzione del danno biologico (inteso come danno che esplica incidenza sulla vita quotidiana del soggetto) e del danno esistenziale, appartenendo tali ‘categorie’ o ‘voci’ di danno allo stesso spazio tutelato dalla norma costituzionale di cui all’articolo 32 della Costituzione.

 

 

(Corte di Cassazione, ordinanza 4 novembre 2020, n. 24473)