17 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Indennità di malattia nell’ipotesi di accesso ad un Pronto Soccorso
12
mar
2018

Con messaggio 9 marzo 2018, l’INPS ha offerto rilevanti precisazioni in ordine al caso in cui il lavoratore sia trattenuto per la notte in un’unità di Pronto Soccorso per gli opportuni chiarimenti diagnostici o quando l’accesso al reparto non sia immediatamente disponibile. L’Istituto afferma che, ai fini previdenziali, l’ipotesi di ‘permanenza notturna’ deve essere equiparata al ricovero ospedaliero.

Dunque, quando sia necessario ospitare per la notte il lavoratore, questi è tenuto a farsi rilasciare un certificato di ricovero.

Invece, è rilasciato un certificato telematico di malattia nel caso in cui l’accesso al Pronto Soccorso si risolva senza che si renda necessaria la permanenza notturna del lavoratore.

Ove non sia possibile la trasmissione telematica del certificato di malattia, il certificato cartaceo deve necessariamente contenere un espresso riferimento all’incapacità lavorativa del lavoratore. Infatti, ai soli fini previdenziali, deve essere indicata una ‘prognosi riferita all’incapacità lavorativa’, non essendo sufficiente la semplice dicitura ‘prognosi clinica’.