09 novembre 2018 - Rottamazione-ter: disponibili i modelli sul sito dell'Agenzia delle Entrate05 novembre 2018 - Agenzia delle Entrate-Riscossione: attivo il servizio "SALTA FILA" per i contribuenti26 ottobre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Settembre 201826 ottobre 2018 - Apprendistato duale: accordo della Regione Veneto per artigianato e PMI17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Infortunio in itinere, la prova al lavoratore
14
lug
2017

Con recente sentenza la Cassazione ha stabilito che la prova utile a rivendicare l’indennizzo per il caso di infortunio in itinere è ad esclusivo carico del lavoratore.

Ed infatti la vigente normativa sull’indennizzabilità dell’infortunio in itinere nel percorso casa lavoro prevede che non sempre possa essere indennizzato dall’Inail l’infortunio occorso in costanza di uso di automezzo privato.

Pertanto spetta al lavoratore dimostrare che l’uso del mezzo privato sia necessitato ovvero che non sussista altra agevole e meno rischiosa soluzione, ad esempio attraverso l’utilizzo di mezzi pubblici, che comporti un minore grado di esposizione al rischio della strada.

Tale prova deve essere data non attraverso l’uso di generiche presunzioni bensì indicando ed allegando, a pena di decadenza, ogni mezzo di prova dei quali si intende avvalersi.