17 novembre 2017 - Whistleblowing: approvata definitivamente la proposta di legge15 novembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di ottobre 201714 novembre 2017 - Assegno di natalità 2017 - DSU da presentare entro il 31 dicembre 201713 novembre 2017 - Controlli automatizzati: istituiti i codici tributo07 novembre 2017 - Distacco transnazionale - il Ministero aggiorna le faq27 ottobre 2017 - Edilizia: per l’iscrizione alle Casse edili è necessario il Durc

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Infortunio in itinere, la prova al lavoratore
14
lug
2017

Con recente sentenza la Cassazione ha stabilito che la prova utile a rivendicare l’indennizzo per il caso di infortunio in itinere è ad esclusivo carico del lavoratore.

Ed infatti la vigente normativa sull’indennizzabilità dell’infortunio in itinere nel percorso casa lavoro prevede che non sempre possa essere indennizzato dall’Inail l’infortunio occorso in costanza di uso di automezzo privato.

Pertanto spetta al lavoratore dimostrare che l’uso del mezzo privato sia necessitato ovvero che non sussista altra agevole e meno rischiosa soluzione, ad esempio attraverso l’utilizzo di mezzi pubblici, che comporti un minore grado di esposizione al rischio della strada.

Tale prova deve essere data non attraverso l’uso di generiche presunzioni bensì indicando ed allegando, a pena di decadenza, ogni mezzo di prova dei quali si intende avvalersi.