02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio21 giugno 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di maggio 201817 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Infortunio in itinere, la prova al lavoratore
14
lug
2017

Con recente sentenza la Cassazione ha stabilito che la prova utile a rivendicare l’indennizzo per il caso di infortunio in itinere è ad esclusivo carico del lavoratore.

Ed infatti la vigente normativa sull’indennizzabilità dell’infortunio in itinere nel percorso casa lavoro prevede che non sempre possa essere indennizzato dall’Inail l’infortunio occorso in costanza di uso di automezzo privato.

Pertanto spetta al lavoratore dimostrare che l’uso del mezzo privato sia necessitato ovvero che non sussista altra agevole e meno rischiosa soluzione, ad esempio attraverso l’utilizzo di mezzi pubblici, che comporti un minore grado di esposizione al rischio della strada.

Tale prova deve essere data non attraverso l’uso di generiche presunzioni bensì indicando ed allegando, a pena di decadenza, ogni mezzo di prova dei quali si intende avvalersi.