21 settembre 2017 - Lavoratori autonomi impatriati: detassati solo dal 201719 settembre 2017 - Fondo di solidarietà settore trasporto aereo - Indicazioni Inps12 settembre 2017 - Aspettativa per incarichi politici o sindacali: chiarimenti Inps per l'accredito dei contributi figurativi05 settembre 2017 - Ape volontaria - firmato il DPCM31 agosto 2017 - Fondo assistenza disabili gravi: ripartite tra le regioni le risorse per il 201725 agosto 2017 - Italia e Barbados: pubblicata la legge di ratifica della convenzione sulla doppia imposizione

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Infortunio in itinere, la prova al lavoratore
14
lug
2017

Con recente sentenza la Cassazione ha stabilito che la prova utile a rivendicare l’indennizzo per il caso di infortunio in itinere è ad esclusivo carico del lavoratore.

Ed infatti la vigente normativa sull’indennizzabilità dell’infortunio in itinere nel percorso casa lavoro prevede che non sempre possa essere indennizzato dall’Inail l’infortunio occorso in costanza di uso di automezzo privato.

Pertanto spetta al lavoratore dimostrare che l’uso del mezzo privato sia necessitato ovvero che non sussista altra agevole e meno rischiosa soluzione, ad esempio attraverso l’utilizzo di mezzi pubblici, che comporti un minore grado di esposizione al rischio della strada.

Tale prova deve essere data non attraverso l’uso di generiche presunzioni bensì indicando ed allegando, a pena di decadenza, ogni mezzo di prova dei quali si intende avvalersi.