21 settembre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Agosto 201817 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’ 02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio

POSTATO DA Arlati Ghislandi
L’Agenzia delle Entrate ha recepito le nuove procedure di ricorso per le controversie di valore non superiori a € 20.000,00
07
apr
2014

L’articolo 1, comma 611 lettera a) della legge 27 dicembre 2013 n. 147 ha apportato significative modifiche alla disciplina della c.d. “mediazione tributaria” (di cui all’art. 17 bis del D. Lgs n. 546/1992).

Per effetto di tali modifiche nel caso in cui il contribuente intenda proporre ricorso giurisdizionale avverso gli atti emessi dall’Agenzia delle Entrate (per le cartelle di pagamento notificate a partire dal 1 aprile 2012) per le controversie di valore non superiori a 20.000, 00 euro, è necessario presentare preliminarmente – pena improcedibilità del ricorso – reclamo all’Ufficio che ha emesso l’atto impugnabile.

Il reclamo ha l’effetto di sospendere la riscossione e il pagamento delle somme dovute in base all’atto impugnato, in pendenza del termine di 90 giorni prescritto per lo svolgimento del procedimento di mediazione.