17 novembre 2017 - Whistleblowing: approvata definitivamente la proposta di legge15 novembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di ottobre 201714 novembre 2017 - Assegno di natalità 2017 - DSU da presentare entro il 31 dicembre 201713 novembre 2017 - Controlli automatizzati: istituiti i codici tributo07 novembre 2017 - Distacco transnazionale - il Ministero aggiorna le faq27 ottobre 2017 - Edilizia: per l’iscrizione alle Casse edili è necessario il Durc

POSTATO DA Arlati Ghislandi
L’Agenzia delle Entrate ha recepito le nuove procedure di ricorso per le controversie di valore non superiori a € 20.000,00
07
apr
2014

L’articolo 1, comma 611 lettera a) della legge 27 dicembre 2013 n. 147 ha apportato significative modifiche alla disciplina della c.d. “mediazione tributaria” (di cui all’art. 17 bis del D. Lgs n. 546/1992).

Per effetto di tali modifiche nel caso in cui il contribuente intenda proporre ricorso giurisdizionale avverso gli atti emessi dall’Agenzia delle Entrate (per le cartelle di pagamento notificate a partire dal 1 aprile 2012) per le controversie di valore non superiori a 20.000, 00 euro, è necessario presentare preliminarmente – pena improcedibilità del ricorso – reclamo all’Ufficio che ha emesso l’atto impugnabile.

Il reclamo ha l’effetto di sospendere la riscossione e il pagamento delle somme dovute in base all’atto impugnato, in pendenza del termine di 90 giorni prescritto per lo svolgimento del procedimento di mediazione.