17 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività

POSTATO DA Arlati Ghislandi
L’Agenzia delle Entrate ha recepito le nuove procedure di ricorso per le controversie di valore non superiori a € 20.000,00
07
apr
2014

L’articolo 1, comma 611 lettera a) della legge 27 dicembre 2013 n. 147 ha apportato significative modifiche alla disciplina della c.d. “mediazione tributaria” (di cui all’art. 17 bis del D. Lgs n. 546/1992).

Per effetto di tali modifiche nel caso in cui il contribuente intenda proporre ricorso giurisdizionale avverso gli atti emessi dall’Agenzia delle Entrate (per le cartelle di pagamento notificate a partire dal 1 aprile 2012) per le controversie di valore non superiori a 20.000, 00 euro, è necessario presentare preliminarmente – pena improcedibilità del ricorso – reclamo all’Ufficio che ha emesso l’atto impugnabile.

Il reclamo ha l’effetto di sospendere la riscossione e il pagamento delle somme dovute in base all’atto impugnato, in pendenza del termine di 90 giorni prescritto per lo svolgimento del procedimento di mediazione.