04 marzo 2021 - Assegno di natalità: domande dal 3 marzo 02 marzo 2021 - DPCM 2 marzo 2021: Nuove misure anti COVID-19 in vigore dal 6 marzo 202101 marzo 2021 - Inserirei Amministrazioni: solo SPID dal 1° marzo23 febbraio 2021 - Proroga divieto spostamento tra Regioni sino al 27 marzo - Comunicato stampa CdM19 febbraio 2021 - Fondo Nuove Competenze: l’ANPAL recepisce la proroga al 30 giugno 2021 e modifica i termini della fase istruttoria18 febbraio 2021 - Riforma IRPEF: preannunciate semplificazione e razionalizzazione del prelievo15 febbraio 2021 - Buoni pasto e smart working: l’Agenzia delle Entrate conferma l’esenzione fiscale12 febbraio 2021 - Nuovo Esonero contributivo in alternativa a trattamenti di integrazione salariale, primi chiarimenti INPS

POSTATO DA Arlati Ghislandi
La Commissione europea propone l’estensione del quadro temporaneo degli di aiuti stato
22
gen
2021

La Commissione europea ha proposto agli Stati membri di prolungare sino al 31 dicembre 2021 il ‘Quadro temporaneo delle regole sugli aiuti di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19’, adottato in data 19 marzo 2020.

 

La proroga sarebbe volta a permettere alla generalità degli Stati membri di sostenere finanziariamente le imprese nell’attuale contesto di crisi sanitaria ed economica, con particolare attenzione laddove non sia stato possibile ‘usufruire’ al meglio delle misure disposte dal Quadro temporaneo, tutelando al contempo le condizioni di parità all’interno del mercato.

 

Unitamente alla proroga delle misure, è stato proposto l’ampliamento dell’ambito di applicazione del quadro temporaneo, consentendo agli Stati membri di contribuire con maggiori risorse ai costi fissi che devono essere sostenute dalle imprese in crisi.

 

È stato inoltre proposto l’aumento degli importi massimi di aiuti concessi nell’ambito del quadro temporaneo, attualmente sino a:

-        120mila euro per azienda nel settore della pesca e dell’acquacoltura;

-        100mila euro per ciascuna azienda operante nel settore agricolo;

-        800mila euro per ciascuna azienda operante negli altri settori.