19 febbraio 2018 - Mod. 770/2018: Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione12 febbraio 2018 - Comuni colpiti dal sisma nel 2016 e 2017: pubblicato l’elenco dei beneficiari ammessi alle agevolazioni previste per la Zona franca urbana 01 febbraio 2018 - Prospetto informativo disabili: posticipato l’invio al 28 febbraio 201824 gennaio 2018 - Giornalisti: pubblicati i minimali e i massimali per il 201811 gennaio 2018 - Pensioni: reso noto il calendario dei pagamenti 201802 gennaio 2018 - Tabelle ACI 2018: pubblicate in gazzetta ufficiale18 dicembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di novembre 201711 dicembre 2017 - ANPAL: DID – a regime le nuove modalità di registrazione06 dicembre 2017 - Il Decreto fiscale è legge - Pubblicata la legge n.172/2017 c.d. collegato fiscale alla Legge di Bilancio 201830 novembre 2017 - Reddito di inclusione - dal 1° dicembre le domande

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Lavoratori extracomunitari: pubblicato il decreto flussi per l’anno 2018
17
gen
2018

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 12 del 16 gennaio 2018, il DPCM del 15 dicembre 2017 concernente la “Programmazione transitoria dei flussi d’ingresso dei lavoratori non comunitari nel territorio dello Stato per l’anno 2018“.

 

Nel corrente anno sono ammessi in Italia, per motivi di lavoro subordinato stagionale e non stagionale e di lavoro autonomo, i cittadini non comunitari entro una quota complessiva massima di 30.850 unità, di cui:

- 12.850 unità, per motivi di lavoro subordinato non stagionale e di lavoro autonomo;

- 500 cittadini stranieri non comunitari residenti all’estero, che abbiano completato programmi di formazione ed istruzione nei Paesi d’origine;

- 100 lavoratori di origine italiana per parte di almeno uno dei genitori fino al terzo grado in linea diretta di ascendenza, residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela e Brasile, per motivi di lavoro subordinato non stagionale e di lavoro autonomo.

 

Infine, sempre nell’ambito della quota massima prevista, sono state individuate le quote per la conversione in:

- permessi di soggiorno per lavoro subordinato, di permessi di soggiorno per lavoro stagionale; per studio, tirocinio e/o formazione professionale; per soggiornanti di lungo periodo rilasciati ai cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell’Unione europea;

- permessi di soggiorno per lavoro autonomo, di permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale e per soggiornanti di lungo periodo, rilasciati ai cittadini di Paesi terzi da altro Stato membro dell’Unione europea.