02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio21 giugno 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di maggio 201817 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Lavori usuranti – comunicazione entro il 31 marzo 2017
06
mar
2017

Entro il 31 marzo 2017 i datori di lavoro che nell’anno 2016 hanno adibito il personale dipendente a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti sono tenuti ad effettuare la consueta comunicazione per via telematica tramite il sito cliclavoro.gov.it, utilizzando il modello LAV_US.

Tale invio deve essere effettuato ai fini del monitoraggio di tutte le lavorazioni usuranti così come previsto dal D.Lgs. n. 67/2011.

Si tratta nello specifico di

a) lavoratori impegnati in mansioni particolarmente usuranti indicati all’articolo 2 del Decreto 19 maggio 1999 del Ministro del Lavoro e della Previdenza sociale;

b) lavoratori notturni, così come indicati ai soli fini della normativa in oggetto, all’articolo 1 lettera b) D. Lgs n. 67/2011;

c) lavoratori addetti alla cosiddetta “linea catena” così come indicato all’art. 1, comma 1 lettera c del Decreto Legislativo 21 aprile 2011 , n. 67 ed elencate nell’allegato 1 dello stesso decreto;

d) conducenti di veicoli, di capienza complessiva non inferiore a 9 posti, adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo (art. 1, comma 1 lettera d del decreto legislativo 21 aprile 2011 , n. 67).

L’omissione di tale comunicazione comporta la sanzione da 500 a 1500 euro, previa diffida ad adempiere.