17 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Legittimo il licenziamento per giusta causa del dipendente che "svia" la clientela del DDL
02
mar
2014

Con recente Sentenza n. 4723 del 27 febbraio 2014, la corte di Cassazione ha confermato la legittimità del licenziamento per gravi motivi e la correlata impossibilità alla prosecuzione del rapporto da parte di un prestatore che aveva sviato la clientela del proprio Datore di Lavoro tra l’altro verso l’azienda di un familiare.

La Suprema Corte ha confermato la correttezza del licenziamento non ritenendo di alcun rilievo l’entità della transazione e del conseguente danno economico subito dal Datore di Lavoro.