17 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Licenziamento disciplinare: sanzione sproporzionata in caso di uso privato del computer aziendale
01
apr
2014

La Cassazione con sentenza n. 6222 del 18 marzo 2014 ha affermato che l’uso, anche quotidiano, della e-mail aziendale per ragioni private, così come l’installazione sul pc di programmi non inerenti all’attività lavorativa, non costituiscono violazioni sufficienti ad autorizzare il licenziamento del dipendente.

Il fatto contestato corrispondeva tra l’altro alla fattispecie disciplinare prevista dal contratto collettivo applicabile ove era espressamente prevista una sanzione di tipo conservativo (ammonizione scritta, multa o sospensione), per l’infrazione consistente nell’utilizzazione “in modo improprio di strumenti aziendali”.

Pertanto secondo la suprema Corte il datore di lavoro non può irrogare una sanzione più grave (il licenziamento) rispetto a quella prevista dal CCNL applicabile.