10 maggio 2021 - Permessi Legge 104:Fruizione frazionata anche in caso di lavoro agile07 maggio 2021 - AE: Smart working, rimborso spese dipendenti non imponibile05 maggio 2021 - UNIEMENS: Le modifiche ai codici Contratto operative da maggio 202103 maggio 2021 - INPS: Incarichi COVID-19 personale sanitario, cumulabilità con la pensione28 aprile 2021 - Reddito di Emergenza: prorogato al 31 maggio il termine di presentazione delle domande26 aprile 2021 - Presentato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza23 aprile 2021 - Codici contratto UniEmens: aggiornamento da maggio 202122 aprile 2021 - Decreto Riaperture approvato dal Consiglio dei Ministri04 marzo 2021 - Assegno di natalità: domande dal 3 marzo

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Licenziamento illegittimo: indennità maggiore per il lavoratore separato con figlio
08
apr
2020

Il datore di lavoro può essere tenuto a liquidare, al lavoratore illegittimamente licenziato, un’indennità maggiore rispetto a quella liquidata a lavoratori con la medesima anzianità di servizio, ove questi sia genitore separato con figlio.


Ai fini del calcolo dell’ammontare che il datore di lavoro è tenuto a liquidare al lavoratore a titolo di indennità in caso di illegittimo licenziamento, i criteri che il Giudice deve tenere in considerazione, nell’esercizio del suo potere discrezionale, sono appunto i) l’anzianità di servizio del lavoratore, ii) il numero dei lavoratori occupati dall’azienda, iii) le dimensioni dell’attività economica della stessa e iv) il comportamento nonché v) le condizioni delle parti.
La condizione personale - e quindi anche familiare - del lavoratore illegittimamente licenziato riveste, pertanto, un ruolo determinante nella quantificazione di tale indennità.


(Corte di Cassazione, sentenza 7 aprile 2020, n. 7701)