20 marzo 2020 - Indice di rivalutazione dei crediti di lavoro aggiornato a marzo 202021 ottobre 2019 - Compilazione e controllo del modello 770/2019: aggiornato il software14 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto25 luglio 2019 - CCNL Dirigenti commercio: prorogata la scadenza al 31 dicembre 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto19 giugno 2019 - Ccnl Terziario: scadenza prorogata a dicembre 201918 giugno 2019 - CCNL Metalmeccanica – piccola e media industria (confapi): nuovi minimi retributivi da giugno 201913 giugno 2019 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Ottobre 2019

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Licenziamento illegittimo: indennità maggiore per il lavoratore separato con figlio
08
apr
2020

Il datore di lavoro può essere tenuto a liquidare, al lavoratore illegittimamente licenziato, un’indennità maggiore rispetto a quella liquidata a lavoratori con la medesima anzianità di servizio, ove questi sia genitore separato con figlio.


Ai fini del calcolo dell’ammontare che il datore di lavoro è tenuto a liquidare al lavoratore a titolo di indennità in caso di illegittimo licenziamento, i criteri che il Giudice deve tenere in considerazione, nell’esercizio del suo potere discrezionale, sono appunto i) l’anzianità di servizio del lavoratore, ii) il numero dei lavoratori occupati dall’azienda, iii) le dimensioni dell’attività economica della stessa e iv) il comportamento nonché v) le condizioni delle parti.
La condizione personale - e quindi anche familiare - del lavoratore illegittimamente licenziato riveste, pertanto, un ruolo determinante nella quantificazione di tale indennità.


(Corte di Cassazione, sentenza 7 aprile 2020, n. 7701)