14 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto25 luglio 2019 - CCNL Dirigenti commercio: prorogata la scadenza al 31 dicembre 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto19 giugno 2019 - Ccnl Terziario: scadenza prorogata a dicembre 201918 giugno 2019 - CCNL Metalmeccanica – piccola e media industria (confapi): nuovi minimi retributivi da giugno 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto13 giugno 2019 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Luglio 2019

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Licenziamento illegittimo per ritardo dell'esercizio del diritto di difesa
13
nov
2015

Con sentenza n. 23140 del 12 novembre 2015, la Corte di Cassazione afferma che, in caso di contestazione disciplinare, il termine di 5 giorni per l'esercizio del diritto di difesa non è decadenziale.

Nello specifico, il predetto termine costituisce una data di decorrenza per la manifestazione del datore di lavoro di procedere con il licenziamento.

Qualora tale volontà non venga ancora manifestata, il diritto di difesa del lavoratore non viene precluso.

Pertanto risulta illegittimo il licenziamento del dipendente che manifesta la volontà di essere ascoltato dal datore oltre il termine di 5 giorni, ma prima dell'irrogazione della sanzione espulsiva.