12 febbraio 2018 - Comuni colpiti dal sisma nel 2016 e 2017: pubblicato l’elenco dei beneficiari ammessi alle agevolazioni previste per la Zona franca urbana 01 febbraio 2018 - Prospetto informativo disabili: posticipato l’invio al 28 febbraio 201824 gennaio 2018 - Giornalisti: pubblicati i minimali e i massimali per il 201811 gennaio 2018 - Pensioni: reso noto il calendario dei pagamenti 201802 gennaio 2018 - Tabelle ACI 2018: pubblicate in gazzetta ufficiale18 dicembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di novembre 201711 dicembre 2017 - ANPAL: DID – a regime le nuove modalità di registrazione06 dicembre 2017 - Il Decreto fiscale è legge - Pubblicata la legge n.172/2017 c.d. collegato fiscale alla Legge di Bilancio 201830 novembre 2017 - Reddito di inclusione - dal 1° dicembre le domande23 novembre 2017 - Misure di contrasto alla povertà: disponibili le istruzioni operative INPS

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Licenziamento illegittimo: utilizzo personale e-mail per un tempo "non rilevante"
03
nov
2015

Con la sentenza n. 22353/15, la Corte di Cassazione ha affermato che è illegittimo il licenziamento del dipendente accusato di utilizzo personale della casella di posta elettronica e della navigazione in internet, se non ha sottratto al lavoro una quantità di tempo rilevante.

In particolare, la condotta tenuta dal lavoratore non aveva arrecato un grave danno all'attività produttiva della società, per cui non si era manifestato un "blocco del lavoro".

Per di più l'utilizzo personale di e-mail ed internet era di difficile quantificazione temporale.

In ragione di quanto sopra, la Corte di Cassazione ha escluso la particolare gravità del comportamento addebitato al lavoratore sotto il profilo della sussistenza della giusta causa.