18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività15 marzo 2018 - Consegna delle CU ai dipendenti entro il 31 marzo07 marzo 2018 - Entro il 7 marzo invio delle certificazioni uniche

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Licenziamento illegittimo: utilizzo personale e-mail per un tempo "non rilevante"
03
nov
2015

Con la sentenza n. 22353/15, la Corte di Cassazione ha affermato che è illegittimo il licenziamento del dipendente accusato di utilizzo personale della casella di posta elettronica e della navigazione in internet, se non ha sottratto al lavoro una quantità di tempo rilevante.

In particolare, la condotta tenuta dal lavoratore non aveva arrecato un grave danno all'attività produttiva della società, per cui non si era manifestato un "blocco del lavoro".

Per di più l'utilizzo personale di e-mail ed internet era di difficile quantificazione temporale.

In ragione di quanto sopra, la Corte di Cassazione ha escluso la particolare gravità del comportamento addebitato al lavoratore sotto il profilo della sussistenza della giusta causa.