21 settembre 2017 - Lavoratori autonomi impatriati: detassati solo dal 201719 settembre 2017 - Fondo di solidarietà settore trasporto aereo - Indicazioni Inps12 settembre 2017 - Aspettativa per incarichi politici o sindacali: chiarimenti Inps per l'accredito dei contributi figurativi05 settembre 2017 - Ape volontaria - firmato il DPCM31 agosto 2017 - Fondo assistenza disabili gravi: ripartite tra le regioni le risorse per il 201725 agosto 2017 - Italia e Barbados: pubblicata la legge di ratifica della convenzione sulla doppia imposizione

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Licenziamento illegittimo: utilizzo personale e-mail per un tempo "non rilevante"
03
nov
2015

Con la sentenza n. 22353/15, la Corte di Cassazione ha affermato che è illegittimo il licenziamento del dipendente accusato di utilizzo personale della casella di posta elettronica e della navigazione in internet, se non ha sottratto al lavoro una quantità di tempo rilevante.

In particolare, la condotta tenuta dal lavoratore non aveva arrecato un grave danno all'attività produttiva della società, per cui non si era manifestato un "blocco del lavoro".

Per di più l'utilizzo personale di e-mail ed internet era di difficile quantificazione temporale.

In ragione di quanto sopra, la Corte di Cassazione ha escluso la particolare gravità del comportamento addebitato al lavoratore sotto il profilo della sussistenza della giusta causa.