27 novembre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Ottobre 201809 novembre 2018 - Rottamazione-ter: disponibili i modelli sul sito dell'Agenzia delle Entrate05 novembre 2018 - Agenzia delle Entrate-Riscossione: attivo il servizio "SALTA FILA" per i contribuenti26 ottobre 2018 - Apprendistato duale: accordo della Regione Veneto per artigianato e PMI17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Licenziamento irrogato sulla base di prove documentali raccolte da un investigatore privato
09
apr
2018

Fermo restando quanto disposto dagli articoli 2 e 3 della Legge 20 maggio 1970, n. 300 rispettivamente in materia di ‘guardie giurate’ e ‘personale di vigilanza’, il datore di lavoro può avvalersi di un’agenzia investigativa, a condizione che l’intervento di questa non si concretizzi nella vigilanza dell’attività lavorativa. Il ricorso ad un investigatore è ammesso per l’accertamento di eventuali condotte illecite del lavoratore quando la prestazione di lavoro debba essere resa in un luogo pubblico o, più in generale, quando possa essere liberamente accertata anche da un terzo.

Nel caso giudicato dalla Suprema Corte con sentenza 4 aprile 2018, n. 8373, il controllo svolto da un investigatore al di fuori della struttura aziendale non era neppure rivolto a verificare le modalità di adempimento della prestazione lavorativa, in quanto il lavoratore, chiamato a svolgere la propria attività al di fuori delle pertinenze aziendali, non aveva in realtà mai dato inizio all’attività di lavoro.

Il fatto che l’investigatore abbia controllato di nascosto il lavoratore al di fuori delle pertinenze aziendali non costituisce una violazione del principio di correttezza e buona fede nell’esecuzione del contratto di lavoro né del disposto di cui all’articolo 4 della citata Legge 20 maggio 1970, n. 300 in materia di controllo a distanza.