17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201820 agosto 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’ 02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Licenziamento legittimo per il dipendente che passa troppo tempo su Internet
22
giu
2017

Il dipendente che usa in maniera sistematica la connessione internet aziendale per fini personali può essere licenziato per giustificato motivo soggettivo.

La Corte di Cassazione ha escluso che nel caso di specie, l’azienda che usa degli strumenti di controllo a distanza per accertare l’utilizzo irregolare dei beni aziendali, è soggetta alle regole previste dall’art. 4 dello statuto dei lavoratori, in quanto queste si applicano solo se il controllo riguarda lo svolgimento della prestazione, mentre non riguardano l’accertamento di eventuali illeciti del dipendente.

Pertanto i controlli effettuati dall’azienda per accertare l’utilizzo indebito della connessione non possono configurarsi come controlli a distanza, soggetti alle regole previste dall’art. 4 dello statuto dei lavoratori, in quanto non hanno ad oggetto la prestazione lavorativa e il suo esatto adempimento bensì riguardano quei comportamenti illeciti del dipendente atti a ledere l’integrità del patrimonio aziendale, il regolare funzionamento degli impianti e la loro sicurezza.