17 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Misure di welfare aziendale ed erogazione dei premi di risultato - quando il lavoratore può scegliere
12
apr
2016

In attesa della pubblicazione in GU del decreto interministeriale del 25 Marzo 2016 sulla detassazione dei premi di risultato, si chiarisce come  la legge di Stabilità 2016 ha potenziato le agevolazioni fiscali per le aziende che concedono servizi e prestazioni di welfare aziendale ai dipendenti.

A fronte di un contratto, accordo o regolamento aziendale, è possibile convertire il premio di risultato monetario in servizi welfare: il lavoratore può scegliere se cambiare il premio retributivo con prestazioni di welfare integrativo, e il datore, qualora coinvolga pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro, è totalmente esentato dal versamento irpef sulle medesime prestazioni messe a disposizione dei dipendenti, fino al limite di 2500 euro annuo per ogni lavoratore.

Si ricorda inoltre come le somme e i valori concessi ai dipendenti ai sensi dell’art art. 51, comma 2 e comma 3 ultimo periodo, del  D.P.R. n. 917/1986, non concorrono, entro determinati limiti, a formare il reddito di lavoro dipendente, anche nell’eventualità in cui gli stessi siano fruiti, per scelta del lavoratore e in sostituzione, in tutto o in parte, delle somme detassate.