17 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Misure sul cuneo fiscale – approvato il Decreto Legge
22
apr
2014

È stato approvato nel Consiglio dei Ministri del 18 aprile il Decreto Legge per il rilancio dell’economia del Paese.

Il testo del provvedimento approvato non è stato ancora reso pubblico e pertanto per la definitività delle misure adottate si attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Tra gli interventi di interesse per i lavoratori è previsto un bonus in busta paga a partire da maggio per chi percepisce redditi fino a 26mila euro l’anno, in totale 10 milioni di lavoratori.

In particolare, 80 euro al mese finiranno ai circa 6 milioni di dipendenti con un reddito tra 16mila e 25mila euro l’anno. Agli altri arriva un bonus pari al 4% del reddito complessivo se la dichiarazione si ferma sotto quota 16mila euro annui, e decrescente in modo proporzionale per chi guadagna poco più di 25mila euro.

Per le imprese il decreto sul cuneo fiscale porterà in dote un risparmio Irap del 10%. Un risparmio corrispondente a un taglio dell’aliquota ordinaria dello 0,4% (dal 3,9 al 3,5), che quest’anno però porterà benefici dimezzati per effetto dell’acconto 2014 fissato al 3,7%. La riduzione dell’aliquota agisce su tutte le categorie di contribuenti.