17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201820 agosto 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’ 02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Nuove prestazioni occasionali e operatività della piattaforma INPS per le imprese agricole
22
ago
2018

Con un comunicato del 21 Agosto 2018 pubblicato sul sito internet, l’INPS rende nota l’attivazione della piattaforma informatica delle prestazioni occasionali che verrà progressivamente implementata per garantirne l’adeguamento normativo.

Il primo intervento, decorrente dal 20 agosto 2018, riguarda le imprese operanti nel settore agricoltura che dovranno indicare, nella dichiarazione anticipata di prestazione lavorativa, la data di inizio e il monte orario complessivo presunto con riferimento ad un arco temporale non superiore a dieci giorni.

Come noto, infatti, l’articolo 2 bis, decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, c.d. “decreto dignità”, introdotto in sede di conversione dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, ha modificato, in maniera più incisiva per certi settori, la disciplina del lavoro occasionale.

In particolare sono stati previsti specifici obblighi di registrazione sulla piattaforma informatica, con particolarità per i lavoratori agricoli; sono state agevolate le imprese del settore alberghiero e le strutture ricettive che operano nel settore del turismo. Queste ultime, infatti, per le attività svolte dai seguenti soggetti:

a) titolari di pensione di vecchiaia o di invalidità;

b) giovani con meno di venticinque anni di età, se regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado ovvero a un ciclo di studi presso l'università;

c) persone disoccupate;

d) percettori di prestazioni integrative del salario, di reddito di inclusione (REI) ovvero di altre prestazioni di sostegno del reddito.

possono ricorrere al lavoro occasionale anche se superano i 5 dipendenti, purché abbiano alle loro dipendenze fino a 8 lavoratori.

Per il settore agricolo e alberghiero, inoltre, come anticipato, è previsto l’obbligo di comunicare, almeno un'ora prima dell'inizio della prestazione, anche dati riguardanti la durata temporale della prestazione con riferimento a un arco temporale non superiore a dieci giorni.

Novità sono previste, infine, per i versamento delle somme dovute per il contratto a prestazioni occasionali e sull’apparato sanzionatorio per i lavoratori agricoli.