09 novembre 2018 - Rottamazione-ter: disponibili i modelli sul sito dell'Agenzia delle Entrate05 novembre 2018 - Agenzia delle Entrate-Riscossione: attivo il servizio "SALTA FILA" per i contribuenti26 ottobre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Settembre 201826 ottobre 2018 - Apprendistato duale: accordo della Regione Veneto per artigianato e PMI17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Obbligo di versamento della contribuzione calcolata sul periodo di ferie non godute
15
giu
2018

Con la contribuzione relativa al mese di Luglio 2018, il datore di lavoro sarà tenuto anche al versamento della contribuzione calcolata sul periodo residuo di ferie ‘obbligatorio’ relativo al 2016, ancorché non effettivamente fruito dal lavoratore.

 

Come noto, l’articolo 10 del D.Lgs. 8 aprile 2003, n. 66 stabilisce che il lavoratore ha diritto ad un periodo annuale di ferie retribuite non inferiore a quattro settimane e che, salvo che sia diversamente previsto dalla contrattazione collettiva o da una specifica disciplina, detto periodo debba essere fruito per almeno due settimane (consecutive in caso di richiesta del lavoratore) nel corso dell’anno di maturazione e, per le restanti due settimane, entro il diciottesimo mese dal termine dell’anno di maturazione. Il periodo di ferie può essere fruito frazionatamente.

 

Dunque, se il termine di fruizione di diciotto mesi dall’anno di maturazione stabilito dalla richiamata disposizione non è modificato da un contratto collettivo di lavoro, l’obbligo di versamento della contribuzione calcolata sul periodo di ferie residue maturate nel corso del secondo anno precedente deve essere assolto entro il 30 giugno, anche quando le ferie non siano state effettivamente fruite dal lavoratore interessato.

 

Pertanto, laddove il lavoratore non abbia fruito integralmente entro il 30 giugno 2018 del periodo ‘obbligatorio’ di ferie maturate nel corso dell’anno 2016, il datore di lavoro è comunque tenuto al versamento della contribuzione (che sarà calcolata sulla retribuzione spettante per il periodo residuo di ferie annuali relative al 2016 e non godute), sempre che, si ribadisce, la disciplina contrattuale collettiva non stabilisca un termine più ampio rispetto a quello previsto dal richiamato articolo 10 del D.Lgs. 8 aprile 2003, n. 66.

 

La contribuzione correlata al periodo di ferie non goduto entro il 30 Giugno 2018 è versata dal datore di lavoro unitamente alla contribuzione calcolata sulla retribuzione relativa al mese di Luglio 2018. Resta inteso che quando il lavoratore fruirà effettivamente del periodo di ferie in relazione al quale la contribuzione obbligatoria è già stata versata, il datore di lavoro potrà procedere al ‘recupero’ di quanto anticipatamente versato.

 

Quanto sopra non trova applicazione con riferimento alle ferie riconosciute in eccedenza rispetto al periodo di quattro settimane previsto dalla citata norma. Infatti, detto periodo non è soggetto ad alcune termine di fruizione e, a differenza del periodo di quattro settimane di cui all’articolo 10 del D.Lgs. 8 aprile 2003, n. 66, può essere monetizzato.

 

E’ appena il caso di precisare come la violazione delle disposizioni di cui al più volte citato articolo 10 del D.Lgs. 8 aprile 2003, n. 66 sia punito con l’irrogazione di una sanzione amministrativa compresa tra € 100,00 e € 600,00. Qualora la violazione coinvolga più di cinque lavoratori o si sia verificata in almeno due anni (anche in relazione ad un solo lavoratore), la sanzione è elevata nella misura compresa tra € 400,00 e € 1.500,00. Quando la violazione sia riferita a più di dieci lavoratori ovvero si sia verificata in almeno quattro anni (anche con riferimento ad un solo lavoratore), la sanzione è compresa tra € 800,00 e € 4.500,00 e non è ammesso il pagamento in misura ridotta.