20 marzo 2020 - Indice di rivalutazione dei crediti di lavoro aggiornato a febbraio 202021 ottobre 2019 - Compilazione e controllo del modello 770/2019: aggiornato il software14 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto25 luglio 2019 - CCNL Dirigenti commercio: prorogata la scadenza al 31 dicembre 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto19 giugno 2019 - Ccnl Terziario: scadenza prorogata a dicembre 201918 giugno 2019 - CCNL Metalmeccanica – piccola e media industria (confapi): nuovi minimi retributivi da giugno 201913 giugno 2019 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Ottobre 2019

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Omesso versamento al fondo di previdenza complementare e perdita dei benefici contributivi
18
feb
2020

Ove il datore di lavoro non abbia effettuato il versamento dei contributi a proprio carico al fondo di previdenza complementare ‘negoziale’, si configura una violazione del contratto collettivo applicato che legittima il recupero dei benefici contributivi eventualmente fruiti.

 

Con nota del 17 febbraio 2020, n. 1436, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha precisato, sulla scorta di orientamenti giurisprudenziali consolidati, che la contribuzione integrativa posta a carico del datore di lavoro in ragione dell’adesione del lavoratore ad una forma di previdenza complementare ‘negoziale’, non avrebbe natura retributiva, ma previdenziale.

 

Inoltre, l’obbligo del datore di lavoro a effettuare il versamento della propria quota di contribuzione al fondo di previdenza complementare negoziale discende da una disposizione del contratto collettivo di lavoro applicato.

 

Pertanto, configurandosi l’eventuale omissione - integrale o parziale - da parte del datore di lavoro del versamento di detta contribuzione come un inadempimento degli obblighi dedotti nel contratto collettivo di lavoro applicato, il datore di lavoro stesso decade dal diritto di fruizione dei benefici o sgravi contributivi fruiti fino a quel momento in forza dell’articolo 1, comma 1175 della Legge 27 dicembre 2006, n. 296 ai sensi del quale ‘i benefici normativi e contributivi previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione sociale sono subordinati al possesso (…) del documento unico di regolarità contributiva, fermi restando gli altri obblighi di legge ed il rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale’.

 

Al fine del recupero dei contributi non versati, il lavoratore dovrà agire giudizialmente.