09 novembre 2018 - Rottamazione-ter: disponibili i modelli sul sito dell'Agenzia delle Entrate05 novembre 2018 - Agenzia delle Entrate-Riscossione: attivo il servizio "SALTA FILA" per i contribuenti26 ottobre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Settembre 201826 ottobre 2018 - Apprendistato duale: accordo della Regione Veneto per artigianato e PMI17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Patto di prova nullo: effetti sul licenziamento
13
set
2016

La nullità del patto di prova non dà luogo - in automatico – alla ricostituzione del posto di lavoro, con conseguenti effetti risarcitori.

In presenza di un patto di prova nullo, infatti, il licenziamento per mancato superamento del periodo di prova è assoggettato disciplina limitativa dei licenziamenti, per cui la tutela da riconoscere al lavoratore è quella prevista dall’art. 18 della legge 300/70, qualora il datore di lavoro non alleghi e dimostri la insussistenza del requisito dimensionale, o quella riconsciuta dalla legge 604/66, in difetto di condizioni necessarie per l’applicabilità della tutela reale.