19 novembre 2020 - "IO Lavoro": l’inps rende operativo l’incentivo.28 agosto 2020 - Disponibili gli indici di rivalutazione dei crediti di lavoro di Luglio 202014 ottobre 2020 - Operativo il Fondo Nuove Competenze previsto dal decreto Rilancio29 luglio 2020 - SMART&STARTITALIA: incentivi rifinanziati e ampliati per le startup29 luglio 2020 - RESTOALSUD: incremento di fondo perduto e finanziamento massimo20 marzo 2020 - Indice di rivalutazione dei crediti di lavoro aggiornato a marzo 202014 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Rapporto periodico sulla situazione del personale maschile e femminile
17
mar
2020

Con nota dell’11 marzo 2020 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in considerazione delle esigenze organizzative che le aziende stanno manifestando in ragione delle misure di contenimento all’emergenza epidemiologica COVID-19, è stato prorogato il termine entro il quale compilare il ‘rapporto periodico sulla situazione del personale maschile e femminile’ al 30 giugno 2020.

Dal 14 marzo 2020, tutte le aziende che al 31 dicembre 2019 occupavano più di 100 dipendenti sono obbligate a compilare, entro il 30 giugno 2020, detto rapporto esclusivamente in modalità telematica, accedendo all’applicativo ‘Equalmonitor’ dal portale del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, utilizzando le credenziali per accedere a ‘cliclavoro’ ovvero con le credenziali ‘SPID’. Ai fini di un puntuale monitoraggio ed eventuali attività di vigilanza, l’applicativo sarà accessibile:

-      alla Consigliera nazionale di parità e alle consigliere o coniglieri regionali di parità;

-      all’Ispettorato nazionale del lavoro;

-      alle Direzioni generali del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

La redazione del rapporto equivale alla trasmissione dello stesso alla consigliera regionale e il suo salvataggio in formato ‘pdf’ consente alle aziende di inviare il rapporto, unitamente alla ricevuta rilasciata dal sistema, alle Rappresentanze Sindacali aziendali (articolo 1, comma 6 del Decreto Ministeriale del 3 maggio 2018).