17 novembre 2017 - Whistleblowing: approvata definitivamente la proposta di legge15 novembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di ottobre 201714 novembre 2017 - Assegno di natalità 2017 - DSU da presentare entro il 31 dicembre 201713 novembre 2017 - Controlli automatizzati: istituiti i codici tributo07 novembre 2017 - Distacco transnazionale - il Ministero aggiorna le faq27 ottobre 2017 - Edilizia: per l’iscrizione alle Casse edili è necessario il Durc

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Redditi esteri – sospesa la ritenuta del 20%
29
apr
2014

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge n. 66/2014, è stato previsto tra l’altro, l’abrogazione definitiva dell’art. 4, comma 2 del DL n. 167/1990 che prevedeva a partire dal 1.2.2014 una ritenuta del 20% sui redditi derivanti da investimenti e attività estere di natura finanziaria applicata automaticamente dagli intermediari finanziari.

La Legge n. 97 del 6 agosto 2013 aveva riscritto l’art. 4, D.L. n. 167/1990 introducendo al comma 2 l’obbligo per gli intermediari finanziari residenti ai quali sono affidate in gestione, custodia o amministrazione le attività e gli investimenti dai quali derivino redditi di fonte estera, o che solamente intervengono nella riscossione, di applicare una ritenuta alla fonte su tali redditi secondo le norme ordinarie.

La previsione del Governo Renzi è stata adottata sulla scia di quanto già richiesto dal Ministero dell’Economia, con apposito provvedimento del 19 febbraio 2014, che disponeva la sospensione dell’operatività delle disposizioni previste dall’articolo 4, comma 2, Dl n. 167/90 resa opportuna   “alla luce dell’evoluzione del contesto internazionale in materia di contrasto all’evasione fiscale cross-border, che ha subito una forte accelerazione, attraverso la creazione di un modello di accordo intergovernativo (IGA) per lo scambio di informazioni tra gli USA e gli altri Paesi.”