27 novembre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Ottobre 201809 novembre 2018 - Rottamazione-ter: disponibili i modelli sul sito dell'Agenzia delle Entrate05 novembre 2018 - Agenzia delle Entrate-Riscossione: attivo il servizio "SALTA FILA" per i contribuenti26 ottobre 2018 - Apprendistato duale: accordo della Regione Veneto per artigianato e PMI17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Regime contributivo applicabile nel caso di trasformazione in apprendistato professionalizzante
16
apr
2019

Nel caso di trasformazione di un apprendistato per la qualifica e il diploma professionale in un apprendistato professionalizzante alla luce del conseguimento di un titolo di studio da parte dell’apprendista, il datore di lavoro che occupi sino a nove lavoratori è tenuto ad applicare l’aliquota contributiva pari al 10 per cento.

 

Con messaggio 10 aprile 2019, n. 1478, l’INPS ha offerto chiarimenti in relazione al regime contributivo applicato al rapporto d’apprendistato professionalizzante derivante dalla trasformazione del preesistente apprendistato di primo livello successivamente al conseguimento da parte dell’apprendista della qualifica o di un diploma professionale.

 

La trasformazione in un rapporto di apprendistato professionalizzante, comporta la continuità del rapporto di lavoro in essere e, conseguentemente, il prolungamento del periodo di formazione volto all’acquisizione della qualificazione professionale.

 

Quando tale trasformazione sia effettuata da un datore di lavoro che occupi sino a nove lavoratori e riguardi un rapporto instaurato successivamente al 23 settembre 2015, l’aliquota contributiva posta a carico del datore di lavoro dal terzo anno di durata del rapporto stesso è, stando alle indicazioni fornite dall’Istituto, pari al 10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali.

 

A tale aliquota devono peraltro aggiungersi:

-        l’aliquota di finanziamento della NASpI, pari all’1,31%;

-        il contributo integrativo in misura pari allo 0,30%, confluente nel fondo interprofessionale per la formazione continua;

-        l’aliquota di finanziamento delle prestazioni erogate a titolo di CIGO e CIGS o dai fondi di solidarietà.

 

E’ il caso di precisare che, stando all’interpretazione offerta dall’Istituto, nell’ipotesi di trasformazione in apprendistato professionalizzante del preesistente apprendistato per la qualifica e il diploma professionale deve intendersi preclusa l’applicazione dell’articolo 1, comma 773, quarto periodo della Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (per effetto del quale l’aliquota contributiva del 10% è ridotta di 8,5 punti percentuali per i periodi contributivi maturati nel primo anno di contratto e di 7 punti percentuali per i periodi contributivi maturati nel secondo anno di contratto) anche quando la trasformazione sia intervenuta prima del compimento del secondo anno di durata del rapporto.