18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU22 marzo 2018 - Imprese sequestrate e confiscate: approvato il decreto sulla tutela del lavoro21 marzo 2018 - Ministero del Lavoro: ufficiali i dati sul deposito telematico degli accordi sui premi di produttività15 marzo 2018 - Consegna delle CU ai dipendenti entro il 31 marzo07 marzo 2018 - Entro il 7 marzo invio delle certificazioni uniche

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Rifiuto della trasferta e legittimità del licenziamento
06
apr
2018

Con sentenza 20 marzo 2018, n. 6896, la Suprema Corte ha giudicato legittimo il licenziamento irrogato al lavoratore che abbia ingiustificatamente opposto al datore di lavoro un rifiuto sistematico a rendere la prestazione lavorativa in trasferta.

Ciò nonostante nel contratto individuale di lavoro fosse stata dedotta un’apposita clausola mediante la quale si stabiliva l’obbligo per il lavoratore stesso di svolgere l’attività di lavoro in trasferta ove questa fosse stata disposta (unilateralmente) dal datore di lavoro per esigenze organizzative e produttive.

Infatti, avendo reso il lavoratore la propria disponibilità alla trasferta già in sede di stipulazione del contratto di lavoro, tale previsione costituiva elemento essenziale della prestazione.

L’ingiustificato e reiterato rifiuto di lavorare in trasferta costituisce dunque una grave violazione delle disposizioni impartite dal datore di lavoro ed è certamente lesiva del vincolo fiduciario in misura così grave da consentire al datore di lavoro l’adozione del provvedimento estromissivo.