21 settembre 2017 - Lavoratori autonomi impatriati: detassati solo dal 201719 settembre 2017 - Fondo di solidarietà settore trasporto aereo - Indicazioni Inps12 settembre 2017 - Aspettativa per incarichi politici o sindacali: chiarimenti Inps per l'accredito dei contributi figurativi05 settembre 2017 - Ape volontaria - firmato il DPCM31 agosto 2017 - Fondo assistenza disabili gravi: ripartite tra le regioni le risorse per il 201725 agosto 2017 - Italia e Barbados: pubblicata la legge di ratifica della convenzione sulla doppia imposizione

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Riorganizzazione aziendale e maggiore redditività
03
mar
2017

Con recente sentenza la Corte di Cassazione è intervenuta in merito alla legittimità del licenziamento di un lavoratore per riorganizzazione aziendale, ma in assenza di crisi dell’impresa. Nello specifico la Suprema Corte ha sentenziato come sia legittimo il licenziamento per giustificato motivo oggettivo per riduzione del personale anche in assenza di crisi aziendale, ma solo a patto che l’azienda possa dimostrare che tale riorganizzazione sia vera e con essa venga realmente perseguito l’obiettivo addotto dall’impresa.

La Corta di Cassazione ha altresì stabilito che le scelte organizzative riservate all’imprenditore non possono essere sindacate dal giudice quanto ai profili di congruità e opportunità, dovendosi osservare che, la decisione imprenditoriale di ridurre la dimensione occupazionale dell’azienda ben può essere motivata anche da finalità che prescindano da situazioni sfavorevoli e che perseguano l’obiettivo dell’aumento di redditività dell’impresa.