09 novembre 2018 - Rottamazione-ter: disponibili i modelli sul sito dell'Agenzia delle Entrate05 novembre 2018 - Agenzia delle Entrate-Riscossione: attivo il servizio "SALTA FILA" per i contribuenti26 ottobre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Settembre 201826 ottobre 2018 - Apprendistato duale: accordo della Regione Veneto per artigianato e PMI17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Sanzione disciplinare per uso improprio dell'e-mail aziendale
11
nov
2015

Con la sentenza del 2 Novembre 2015, n. 22353, la Suprema Corte ribadisce che, qualora il codice disciplinare o il CCNL prevedano l'applicazione della sanzione conservativa a fronte di un uso improprio della e-mail aziendale, in caso di elusione delle specifiche normative, non è legittimo il ricorso al licenziamento per giusta causa.

Pertanto il datore di lavoro dovrà applicare la sanzione disciplinare prevista nel caso ravvisi, da parte del dipendente, un utilizzo della casella di posta elettronica aziendale che fuoriesce completamente dalle finalità connesse alle mansioni lavorative assegnate.

Con parere n. 2 del 10 novembre 2015, la Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro mostra alcune perplessità sulla sentenza in commento, vedendo nella stessa una legittimazione dell'utilizzo a fini personali degli strumenti informatici aziendali, ed il rischio di una reiterazione di tali comportamenti elusivi.