29 luglio 2020 - SMART&STARTITALIA: incentivi rifinanziati e ampliati per le startup29 luglio 2020 - RESTOALSUD: incremento di fondo perduto e finanziamento massimo20 marzo 2020 - Indice di rivalutazione dei crediti di lavoro aggiornato a marzo 202014 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto15 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Scarso rendimento – Legittimo licenziamento per giustificato motivo soggettivo
13
lug
2020

Come noto, la giusta causa di licenziamento è integrata ogni qual volta la condotta del lavoratore leda irreversibilmente il vincolo fiduciario intercorrente con il datore di lavoro. Invece, il licenziamento per giustificato motivo soggettivo può essere legittimamente irrogato ove siano accertate i) una mancata diligenza nonché ii) una incapacità professionale del lavoratore che incidano sull’affidabile realizzazione delle mansioni lavorative affidategli.

 

Pertanto, nell’ipotesi in cui il lavoratore, per mancanza di diligenza e di impegno professionale, commetta rilevanti errori nell’esecuzione delle proprie mansioni (non scusabili anche alla luce del solido programma di formazione offerto al lavoratore dall’impresa), lo stesso può essere legittimamente licenziato per giustificato motivo soggettivo.

 

(Corte di Cassazione, sentenza 2 luglio 2020, n. 13625)