02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio21 giugno 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di maggio 201817 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Settore finanziario – addizionale del 10% su bonus e stock options
18
lug
2014

Le somme corrisposte sotto forma di bonus e stock options ai dirigenti e co.co.co. del settore finanziario, sono soggette a tassazione con un’aliquota addizionale del 10% sull’intera retribuzione variabile, ovvero su tutta la quota eccedente quella fissa. Essendo rivolta soltanto ad alcune categorie e non alla generalità dei contribuenti, tale aliquota è disciplinata da una norma autonoma, e non è inserita tra le aliquote IRPEF previste dal T.U.I.R. L’applicazione del prelievo è effettuata al momento della erogazione del premio e riguarda anche collaboratori e dipendenti che prestano la loro attività all’estero.

Secondo la sentenza della Corte Costituzionale (n. 201 del 16 luglio 2014) è legittima la norma che prevede per i dirigenti e i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa nel settore finanziario un prelievo addizionale con aliquota del 10% sui compensi variabili erogati sotto forma di bonus o di stock options che eccedono l’importo corrispondente alla parte fissa della retribuzione. Nessuna discriminazione ingiustificata tra chi svolge le proprie mansioni con una determinata qualifica in uno specifico settore (quello finanziario) e chi, rivestendo la medesima qualifica, le svolga in un settore economico diverso. La Corte Costituzionale ha ritenuto infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 33, D.L. n. 78/2010 (Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica), promosso dalla Commissione tributaria provinciale di Lecco.