11 gennaio 2018 - Pensioni: reso noto il calendario dei pagamenti 201802 gennaio 2018 - Tabelle ACI 2018: pubblicate in gazzetta ufficiale18 dicembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di novembre 201711 dicembre 2017 - ANPAL: DID – a regime le nuove modalità di registrazione06 dicembre 2017 - Il Decreto fiscale è legge - Pubblicata la legge n.172/2017 c.d. collegato fiscale alla Legge di Bilancio 201830 novembre 2017 - Reddito di inclusione - dal 1° dicembre le domande23 novembre 2017 - Misure di contrasto alla povertà: disponibili le istruzioni operative INPS17 novembre 2017 - Whistleblowing: approvata definitivamente la proposta di legge

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Sgravi contributivi sui premi di risultato 2013
28
ott
2014

L’Inps con Messaggio n. 7978/2014 ha reso noto le modalità operative che i datori di lavoro dovranno osservare per la concreta fruizione del beneficio contributivo ex lege n. 247/2007.

Le aziende che sono state ammesse all’incentivo devono individuare esattamente l’ammontare (nei limiti delle somme autorizzate) e recuperarlo inserendolo nel flusso uniemens utilizzando i nuovi codici predisposti dall’Istituto.

Ove le aziende, per motivazioni connesse all’impianto stesso della contrattazione di secondo livello ovvero per cause varie di natura diversa, avessero titolo ad un importo inferiore, il conguaglio dovrà limitarsi alla quota di beneficio effettivamente spettante.

Il recupero potrà essere effettuato dalle aziende che nel frattempo hanno cessato l’attività: in tal caso, ai fini della fruizione dell’incentivo spettante, dovranno avvalersi della procedura delle regolarizzazioni contributive (UniEmens/vig).

Nelle ipotesi di operazioni societarie, che comportano il passaggio di lavoratori ai sensi dell’art. 2112 c.c. – intervenute nelle more dell’ammissione allo sgravio dell’azienda incorporata, le operazioni di conguaglio dello sgravio dovranno essere effettuate dal datore di lavoro subentrante, con riferimento al premio complessivamente corrisposto nell’anno al lavoratore, ancorché in parte erogato dal precedente datore di lavoro che, ovviamente, non accederà all’incentivo.