17 novembre 2017 - Whistleblowing: approvata definitivamente la proposta di legge15 novembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di ottobre 201714 novembre 2017 - Assegno di natalità 2017 - DSU da presentare entro il 31 dicembre 201713 novembre 2017 - Controlli automatizzati: istituiti i codici tributo07 novembre 2017 - Distacco transnazionale - il Ministero aggiorna le faq27 ottobre 2017 - Edilizia: per l’iscrizione alle Casse edili è necessario il Durc

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Sospensione degli obblighi occupazionali anche nel caso di attivazione di procedure di incentivazione all’esodo
26
set
2014

Il Ministero del Lavoro con propria circolare (n. 22 del 24/09/2014) è intervenuto nuovamente in materia di sospensione degli obblighi occupazionali affermando che, oltre ai casi previsti dalla Legge (aziende che ricorrano alla cassa integrazione guadagni straordinaria per crisi aziendale, ristrutturazione , riorganizzazione o che abbiano stipulato accordi di solidarietà difensivi o che attivino procedure di mobilità ex articoli 4 e 24 delle Legge 223/1191) anche le aziende che, nei casi di eccedenza di personale, stipulino accordi sindacali con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello aziendale, al fine di incentivare l’esodo dei lavoratori più anziani (art. 4, Legge n. 92/2012 commi da 1 a 7 ter), sono sospese dagli obblighi occupazionalei nei confronti dei lavoratori disabili (art.3, comma 5, legge 68/1999).

In tali ipotesi il Ministero conclude affermando che la sospensione dell’obbligo è limitata in proporzione al numero di lavoratori di cui è prevista la cessazione del rapporto all’esito della procedura di incentivo all’esodo, per la durata della procedura medesima e per il singolo ambito provinciale di attività.