02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio21 giugno 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di maggio 201817 maggio 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 201802 maggio 2018 - Rapporto sulla situazione del personale uomo donna: disponibile il manuale utente per l'invio18 aprile 2018 - Interpelli Agenzia delle Entrate: aggiornati gli indirizzi per l'invio16 aprile 2018 - Disponibili via web i modelli precompilati dell'Agenzia delle Entrate09 aprile 2018 - Rapporto biennale parità uomo - donna: scadenza il 30 aprile 06 aprile 2018 - Fissate le prestazioni economiche 2018 di malattia, maternità e tubercolosi05 aprile 2018 - Pensioni - l'INPS chiarisce i nuovi requisiti di accesso29 marzo 2018 - Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive: pubblicato il decreto in GU

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Sospensione del DURC interno negativo con la presentazione dell’istanza di rateazione
19
giu
2014

L’avviso di accertamento di DURC interno negativo è sospeso in caso di presentazione di richiesta di pagamento rateale dei debiti contributivi, fino alla definizione della domanda di dilazione. L’importante chiarimento è stato fornito dall’Inps con il messaggio n. 5192/2014.

Infatti, in caso di presentazione della richiesta di pagamento rateale dei contributi, la trasformazione del semaforo da giallo in rosso viene sospesa d’ufficio senza necessità di intervento da parte degli operatori dell’Inps:

- fino alla definizione della domanda di dilazione ovvero

- fino al termine di pagamento della prima rata in caso di accoglimento della stessa.

Qualora la domanda sia respinta il semaforo da giallo diventa rosso (non regolare).

Se la domanda di rateazione viene invece accolta la procedura di controllo verifica che il datore di lavoro abbia effettuato il pagamento della prima rata entro il termine stabilito.

Pertanto con l’attivazione della rateazione, gli effetti sul riacquisto della regolarità contributiva, avvengono esclusivamente in presenza del pagamento della prima delle rate complessivamente accordate entro la data indicata nel piano di ammortamento. Ai fini dell’emissione del DURC interno regolare, quindi, non è sufficiente l’accoglimento della domanda e l’emissione del piano di ammortamento ma è indispensabile che il datore di lavoro effettui il pagamento della prima rata entro il termine previsto, solo cosi la domanda è perfezionata e può essere riconosciuta la regolarità.